«La pressione si può controllare con uno stile di vita sano che parte anche dalla tavola»

Cena con la salute, successo a Travo per l'incontro con il medico piacentino Giuseppe Crippa sul tema dell'ipertensione

Un momento della serata

Travo ha portato a “cena con la salute” 100 persone; un folto pubblico che sabato sera nella sala polivalente, ha voluto ascoltare alcune indicazioni per vivere in salute, date da Giuseppe Crippa, dirigente medico responsabile dell'Unità Operativa di Ipertensione Arteriosa e malattie Cardiovascolari Correlate dell'ospedale Guglielmo da Saliceto di Piacenza.
La serata è stata presentata da Gaetana Droghi in rappresentanza dell’associazione delle piccole cose organizzatrice dell'evento; ha ringraziato il pubblico per la forte adesione e le associazioni che hanno compartecipato all'organizzazione dell'evento; 
il primo cittadino di Travo Lodovico Albasi intervenuto portando i saluti portati dall'Amministrazione comunale, ha annunciato il varo da parte della Giunta comunale, nelle prossime settimane, del progetto “una mela al giorno” di cui questo evento fa parte come anticipazione; sottolineava che “si tratta della prima volta che le Associazioni travesi lavorano assieme per il benessere psicofisico della persona da 0 a 100 anni”.
Questa serata si è realizzata anche grazie gli amici e sponsor Erbozeta attraverso Tonino Monti, e Antonio Cabrini (quest'ultimo gestore della pizzeria Minerva di Travo).
Il dottor Crippa ha sviluppato la sua relazione mettendo in evidenza alcuni comportamenti e “luoghi comuni” che portano alla sottovalutazione della propria pressione arteriosa e quindi la poca consapevolezza della propria situazione cardiovascolare; ha proseguito sul tema “la pressione si può controllare con uno stile di vita sano che parte anche dalla tavola”. 

Tranquillizzava i presenti precisando di essere stato un vincitore del concorso di cuochi “supera d'Argint”; ha comparato cibi assunti nella vita quotidiana evidenziando i diversi apporti calorici e di sodio spesso sconosciuti alla maggioranza delle persone. Ha inoltre illustrato come il nostro formaggio grana padano di bassa stagionatura sia un prodotto “salutare” che concorre ad equilibrare la nostra dieta anche nel giusto apporto di sodio. Si è reso disponibile a completare questo argomento  con un altra serata dedicata alla salute attraverso l'attività fisica,  come vera e propria medicina.

Dopo un breve, ma interessante dibattito scaturito da domande del pubblico, si è aperto anche un corposo buffet organizzato secondo le indicazioni del dott. Crippa: Coctail  d'entrata  pinzimonio di verdure in salsa, due risotti (uno al sugo di funghi e l'altro al formaggio Grana), bresaola, verdure grigliate, Formaggio Grana Padano.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • «Noi non ce l’abbiamo fatta». Dopo 15 anni di attività la trattoria finisce in “svendita”

  • Ripescata nel Po un'auto con a bordo un cadavere, è Daniele Premi

  • Nuovo decreto e spostamenti tra Regioni e Comuni: cosa si può fare (e cosa no) dal 16 gennaio

  • Per 30 anni in prima linea, il 118 piange Antonella Bego. «Perdiamo una professionista e un'amica»

  • Frontale tra due auto a Fiorenzuola: tre feriti, uno è gravissimo

  • L'Emilia-Romagna resta arancione, firmato il nuovo Dpcm

Torna su
IlPiacenza è in caricamento