La sorella di Elisa scrive a Massimo Sebastiani: «Piangi? Ormai sei il mio incubo»

Francesca Pomarelli, una delle sorelle di Elisa, affida la rabbia che tiene dentro di sé ai social: «Se fossi seriamente pentito accetteresti l’ergastolo a testa china. Faremo di tutto per far sì che Elisa abbia giustizia». Il ministro Bonetti: «Vicina alla famiglia e agli amici»

Elisa Pomarelli e Massimo Sebastiani

Se da piccole Francesca e Debora Pomarelli, insieme alla loro Elisa, avevano l’incubo del “lupo mannaro” - «Ti ricordi quanto eravamo rimaste impressionate dal film del Lupo Mannaro?», aveva scritto qualche giorno fa Debora sul web -, oggi sono tormentate da qualcun altro: Massimo Sebastiani. «Ormai sei il mio incubo» scrive Francesca su Facebook rivolgendosi all’uomo di 45 anni che il 25 agosto scorso le ha strappato dalla vita la sua sorella maggiore, Elisa, di 28 anni, strangolandola nel pollaio della sua abitazione a Campogrande di Carpaneto. Quel «Lupo ti ha presa, e né io e né te lo abbiamo riconosciuto perché era nella sue sembianze umane» - aveva scritto sempre Debora. 

La rabbia nei confronti della persona di cui per alcuni anni si sono fidate la affida al suo profilo social: «Se fossi seriamente pentito accetteresti l’ergastolo a testa china, senza attaccarti ad ogni cavillo: il minimo che puoi fare è marcirci in galera e non sprecare energie a giustificare un’azione impensabile. Ora piangi è? Ahimè non hai ancora incrociato la mia strada…». Una strada che oggi per Francesca, Debora e i loro genitori, Maria Cristina e Maurizio, prende la svolta della salita. Insieme la affronteranno e faranno «di tutto per far sì che tu (Elisa, ndr) abbia giustizia. Nessun femminicidio può essere giustificato men che meno il tuo», quello di una giovane donna che amava la campagna e la vita nei campi, dagli «occhioni azzurri che rendevano la vita più bella» - aggiunge Debora. Scrive ancora Francesca: «La mamma e il papà ti vogliono tanto bene, piangono spesso, anche Debora: a me l’amaro compito di raccogliere i pezzi. Sono nata per questo diventerò il loro bastone della vecchiaia e di questo ne sono onorata. Proteggimi Ely e donami la forza per andare avanti. So che tu sei qui con me». «Lei ci sarà sempre vicina», e ancora «a presto occhioni blu».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

IL MINISTRO BONETTI: «VICINA ALLA FAMIGLIA E AGLI AMICI» - «Sono profondamente vicina alla sua famiglia, alle sue amiche e ai suoi amici, alle persone che le hanno voluto bene e sono certa che la magistratura saprà rispondere alla loro richiesta di giustizia. Da parte mia, per Elisa e per tutte le donne che hanno subito violenze, sarà ancora più determinato l'impegno fattivo affinché nel nostro Paese queste atrocità abbiano fine». Lo scrive sulla sua pagina Facebook il ministro per le Pari opportunità e la Famiglia Elena Bonetti

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sbanda con il tir e viene sbalzato dalla motrice: gravissimo camionista

  • Un matrimonio in sospeso ma l'attività appena inaugurata riparte: Marco e Elisa, osti a Rompeggio

  • Dramma della solitudine: trovata senza vita in casa dopo tre mesi

  • Dall'inferno del Covid al ritorno a casa, ecco i vigili del fuoco che hanno vinto il virus

  • Carabinieri chiamati per una lite trovano il bar pieno di gente, multa e locale chiuso

  • Covid-19: Piacenza piange altre due vittime, solo due i contagiati in più

Torna su
IlPiacenza è in caricamento