«La squadra volante spesso senza auto idonee. I poliziotti devono lavorare sicuri»

Siap: «Non vorremmo mai che qualche collega si facesse davvero male o perdesse la vita perché mancano auto idonee. E la colpa è dello Stato. Finalmente anche a Piacenza, in notevole ritardo, grazie  anche ai nostri interventi, arriva una nuova auto che comunque non riuscirà comunque a soddisfare le necessità presenti»

Volanti della polizia

«Oltre al problema sullo scarso numero di operatori volanti, è da tempo che in questura si hanno enormi difficoltà a mettere in campo le volanti con auto idonee a tutela degli operatori di polizia che espletano il servizio, a differenza di alcune città anche limitrofe che da tempo hanno in dotazione le nuove auto. Sembra che Piacenza sia sempre  il fanalino di coda.  E poi ci si lamenta delle statistiche sulla sicurezza andate in onda a livello nazionale sulla qualità della vita piacentina grazie alle disattenzioni politiche». Si legge in una nota del sindacato Siap.

«Finalmente anche a Piacenza, in notevole ritardo, grazie  anche ai nostri interventi, arriva una nuova auto che non riuscirà comunque a soddisfare le necessità che la questura ha bisogno per mettere in condizioni gli operatori di polizia di operare al meglio e in sicurezza in questo periodo dove un vetro blindato potrebbe fare davvero la differenza. La questione potrebbe apparire come quella di  un ospedale di questo Paese dei balocchi, dove  i malati devono essere curati su un pavimento perché mancano le barelle degli infermieri che potrebbero essere assimilate alle volanti dei poliziotti».

«Non vorremmo mai - continua la nota di Sandro Chiaravalloti - che qualche collega  si facesse davvero male o perdesse la vita perché mancano auto idonee. E la colpa è dello Stato. Troppo spesso sono costretto a criticare duramente, esponendomi, sindacalmente e personalmente, al fine di poter, attraverso la critica, far risvegliare istituzioni dormienti che, spesso, riconoscono il problema solo quando avviene il fattaccio in un paese dove la diffamazione troppo spesso invocata è ancora reato quando si critica l'operato  delle istituzione spesso permalose. L'insicurezza di questo Paese, si chiama spesso Stato, quello Stato a cui i contribuenti, pagando le tasse, hanno il diritto di ricevere servizi idonei attraverso, ad esempio, i sanitari e le forze di polizia che necessariamente necessitano di mezzi e uomini».

«Terrorismo, mafie, corruzioni, violenze sui bambini, sulle donne e sugli anziani troppo spesso sono combattuti ad armi impari grazie alle miopie politiche governative. In questa situazione, non bisogna dimenticarlo,  anche la polizia stradale è rimasta con solo due auto con i colori della polizia, che in, momenti di manutenzione o eventuali guasti, le conseguenze sono quelle di non poter effettuare il servizio».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Muore a 29 anni travolto da un furgone pirata

  • Frontale a Castellarquato: muore un uomo, altre due persone sono gravissime

  • Scontro Cavanna-Burioni sull’utilizzo della idrossiclorichina per combattere il Covid

  • Travolto da un Tir mentre cammina al buio sul cavalcavia, 24enne in fin di vita

  • Frontale lungo la Provinciale, muore in auto di fianco alla moglie

  • Un 28enne di Cadeo la vittima del tragico incidente a San Giorgio. E' caccia al furgone bianco

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento