400 chiamate all'anno per 130 casi A tu per tu con Telefono Rosa Piacenza

Non diminuiscono i maltrattamenti. Partner e familiari i principali carnefici che agiscono soprattutto tra le mura domestiche. Telefono Rosa Piacenza ci racconta lo stato della violenza delle donne nella regione

Continuano gli eventi in cartellone promossi dal Comune e dalla Provincia di Piacenza per valorizzare i talenti femminili tutto l’anno e non solo in occasione della festa della donna. Appuntamenti molto importanti, che non devono far dimenticare la piaga della violenza sulle donne.

Per sapere qual è la situazione nel nostro territorio abbiamo sentito Telefono Rosa Piacenza, l'associazione presieduta dall’avvocato Donatella Scardi che da anni collabora ai progetti con il Comune di Piacenza, la Provincia e la Regione Emilia Romagna.

Telefono Rosa Piacenza riceve in media 400 chiamate all’anno, ma solamente ¼ delle vittime decide di difendersi con gli strumenti a disposizione. Nel 2008 le volontarie dell’associazione hanno seguito più di 130 casi, sostenendo le vittime in diversi modi.

Accanto all’accoglienza telefonica, la consulenza psicologica e legale, è stata istituita lo scorso anno anche la casa “l’indirizzo segreto”, per accogliere le donne vittime di violenza, ed i loro figli. Ma l’attività del Telefono Rosa non si ferma qui: oltre alla collaborazione con centri antiviolenza regionali e nazionali, sono stati avviati progetti di sensibilizzazione nelle scuole ed uno sportello lavoro per aiutare le vittime.

Analizzando i dati emerge che nella maggior parte dei casi la violenza si consuma all’interno delle mura domestiche ad opera di persone che la vittima conosce oppure è legata intimamente. Le vittime sono soprattutto cittadine italiane e nonostante conoscano i loro persecutori, la violenza spesso rimane sommersa e non viene denunciata.

 La fascia d’età delle donne che subiscono violenza è compresa tra i 25 ed i 65 anni, con una punta nella fascia 35-55 anni; da sottolineare come spesso si tratta di vittime in possesso di un elevato livello di scolarizzazione.

Ma sottrarsi a queste violenze è possibile e la nostra città offre due strumenti: la denuncia alla Polizia, oppure contattare la sede provinciale del Telefono Rosa allo 0523/334833.
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Muore a 29 anni travolto da un furgone pirata

  • Frontale a Castellarquato: muore un uomo, altre due persone sono gravissime

  • Scontro Cavanna-Burioni sull’utilizzo della idrossiclorichina per combattere il Covid

  • Travolto da un Tir mentre cammina al buio sul cavalcavia, 24enne in fin di vita

  • Frontale lungo la Provinciale, muore in auto di fianco alla moglie

  • Un 28enne di Cadeo la vittima del tragico incidente a San Giorgio. E' caccia al furgone bianco

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento