menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
ponte Nano

ponte Nano

«Le barriere di Ponte Nano e Cantoniera vanno messe in sicurezza»

Il Comune di Ferriere insieme al Comitato a difesa della salute dei cittadini di Ferriere scrivono alla Provincia di Piacenza chiedendo un intervento

«Sarà senz’altro conoscenza della Provincia - scrive l'Amministrazione comunale di Ferriere insieme al Comitato a difesa della salute dei cittadini di Ferriere - di come da oltre un trentennio a questa parte sia le Amministrazioni che via via si sono succedute che la popolazione di Ferriere abbiano ripetutamente sollecitato un intervento della Provincia in grado di mettere in sicurezza i due ponti “Nano” e “Cantoniera” che molti ferrieresi attraversano giornalmente in andata e ritorno per recarsi a fondovalle. Richieste di interventi urgenti furono ufficializzate anche dal Sig. Bruno Ferrari, allora consigliere dell’Amministrazione Provinciale. Pure i numerosi articoli tramite i quali i ferrieresi denunciavano un costante pericolo nella percorrenza dei suddetti due ponti causato oltre che dalle barriere a lato vetuste, inefficaci e soprattutto inadeguate anche dal gelo che nella stagione invernale rende la strada molto scivolosa.

Lo sfondamento di un tratto della barriera di Ponte Nano da parte di una piccola utilitaria con a bordo due giovani ragazze verificatosi nelle prime ore del mattino di domenica 8 gennaio con conseguente caduta nel vuoto della vettura in un volo di 15 metri, ha nuovamente allarmato la popolazione.

Se si può da un lato considerare l’esito finale dell’incidente miracoloso, dall’altro le innumerevoli segnalazioni di pericolo nel corso degli anni cadute costantemente nel vuoto, denotano incuria e negligenza da parte dell’Ente preposto alla manutenzione della strada provinciale in Alta Val Nure.

Siamo a conoscenza che negli ultimi anni sono stati finanziati lavori tra Gariga e Podenzano per un importo di circa 5 milioni di euro finalizzati ad abbreviare i tempi di percorrenza di un rettilineo già in essere e perfettamente funzionale. Sappiamo che lo scorso anno si è proceduti alla fresatura dell’asfalto della strada Podenzano – Casoni realizzato soltanto quattro anni fa. Siamo informati che si procede da parte della provincia ad un rifacimento quasi annuale dell’asfalto della strada provinciale in Gragnano.

Sappiamo che l’attuale Amministrazione di Ferriere ha più volte sottolineato la pericolosità della strada dell’Ata Val Nure soprattutto da Bettola a Selva e denunciato l’insidia costante del guado realizzato in località Folli dopo la caduta per l’alluvione del ponte di detto paese, così come ha denunciato il sindaco Giovanni Malchiodi il pericolo di percorrenza sulla strada Ferriere – Mercatello.

Alla luce di quanto è recentemente accaduto, i ferrieresi unitamente all’Amministrazione Comunale sollecitano un immediato intervento da parte della Provincia teso ad eliminare in maniera radicale la pericolosità di transito degli automezzi sui ponti “Nano” e “Cantoniera”. Si sottolinea di come l’indifferenza delle istituzioni per le problematiche del territorio di Ferriere ampiamente conosciute dalle stesse stia causando da tempo un notevole danno economico-sociale ed un involuzione del turismo.

Si rammenta tra l’atro di come in occasione dei lavori realizzati a seguito della caduta di un arcata di ponte nano,  l’allora Amministrazione Celaschi avesse richiesto la sostituzione delle vetuste barriere che hanno dimostrato in questi giorni la non sicurezza per la viabilità. Richiesta respinta dalla Provincia motivata dal non assenso della Soprintendenza ai Beni Architettonici e Paesaggistici.

Certamente rispettosi delle norme di salvaguardia dei beni storici, artistici ed architettonici in capo alla Soprintendenza dei quali, per quelli siti nel nostro territorio ci sentiamo i primi tutori, che nessun improcrastinabile intervento debba o possa prescindere dalla garanzia della sicurezza delle persone. In attesa di sollecita riassicurazione in merito ad un problema che si trascina da decenni a partire dal 1982 quando nella mattinata dell’11 gennaio perse la vita il Sig. Vincenzo Calamari, precipitando dal ponte cantoniera con un camion della ditta di trasporto per cui lavorava».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento