Lilt, visite gratuite per la prevenzione del tumore al seno

L’iniziativa ideata nell’ambito del welfare cooperativo dal gruppo Colser Aurora ha visto nella giornata dell’8 marzo oltre 35 socie lavoratrici sottoporsi alle visite senologiche proposte dall’azienda

Tutto esaurito: ancora una volta “Prendiamoci del tempo” ha colto nel segno. L’iniziativa ideata nell’ambito del welfare cooperativo dal gruppo Colser Aurora ha visto nella giornata dell’8 marzo oltre 35 socie lavoratrici sottoporsi alle visite senologiche proposte dall’azienda. «L’aspetto da sottolineare - spiega Daniela Chinosi, responsabile della filiale piacentina - è che il controllo è stato completamente gratuito; i costi sono interamente sostenuti dall’azienda. La risposta che abbiamo avuto è stata ottima, le nostre socie ci hanno confermato di aver centrato l’obiettivo». Il tumore al seno registra un aumento fra le donne di età compresa fra i 25 e i 44 anni e la prevenzione assume un’importanza fondamentale. Dalla prima mattina fino a metà pomeriggio tutte le donne interessate (e che si erano dovute preventivamente prenotare) sono state sottoposte alle visite dei dottori Francesco Montagni e Davide Morsia della Lilt, la Lega italiana per la lotta contro i tumori di Piacenza. «Il progetto - prosegue Chinosi - era stato avviato a Parma e quest’anno si è deciso di estenderlo anche alle sedi di Piacenza, Sassuolo, Roma e Milano. Si tratta di una delle tante iniziative che rientrano nel nostro progetto di welfare e che comprendono interventi non solo sulla salute ma anche a favore della famiglia e del lavoro».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Le spaccano la faccia contro una cancellata per rapinarla della borsa

  • Scaraventano un cancello contro la polizia per scappare dopo il colpo: quattro arresti

  • Cacciatore cade in un dirupo e muore

  • Cene e ritrovi clandestini in due locali, blitz della finanza: multa per tutti e attività sospesa

  • L'annuncio di Bonaccini: «La regione torna “zona gialla” da domenica»

  • Il divieto di spostamento tra comuni non piace a nessuno: «Così non potranno vedersi genitori e figli»

Torna su
IlPiacenza è in caricamento