Logistica, Usb: «Presto saremo ricevuti da Di Maio. Noi l'unico sindacato davvero di classe»

Si è svolto senza nessuna tensione il corteo organizzato da Usb e che ha visto poco più di duecento persone sfilare per le vie del centro. Dopo circa un mese di presidio fisso davanti all'hub della Tnt in strada dei Dossarelli, nel pomeriggio del 24 novembre il sindacato ha portato la protesta nel cuore della città

Un momento del corteo

Si è svolto senza nessuna tensione il corteo organizzato da Usb e che ha visto poco più di duecento persone sfilare per le vie del centro. Decine le bandiere del sindacato di base, altrettanti gli slogan che hanno scandito il ritmo del serpentone, uno su tutti Saad torna Saad. Dopo circa un mese di presidio fisso davanti all'hub della Tnt in strada dei Dossarelli, nel pomeriggio del 24 novembre il sindacato ha portato la protesta nel cuore della città. Presenti in testa al corteo, oltre alcuni delegati sindacali anche i dirigenti Roberto Montanari e Riad Zigdane. Chiedono il reintegro del loro iscritto Saad: «E' stato licenziato perché ha superato il periodo di comporto (il limite di giorni di malattia consentiti dal Ccnl). E' stato assente a causa dell'investimento da parte di un'auto in viale Dante qualche mese fa (evento che non viene computato in base all'articolo 63 del  contratto collettivo nazionale di lavoro  trasporto merci e logistica), si tratta di un atto discriminatorio perché per altri quattro lavoratori nelle sue stesse condizioni quattro mesi fa non è stata assunta alcuna analoga sanzione. La sua colpa è quella di essere iscritto a Usb». Più in generale il corteo serviva per ribadire la posizione del sindacato che si è definito l'unico che rimane a difendere davvero i lavoratori, contro ogni sfruttamento, sempre in prima linea. «Non si tratta di una situazione solo piacentina, ma di tutta l'Italia. Vogliamo l'attenzione del ministro del Lavoro, Luigi Di Maio. Occorre un tavolo permanente nazionale che si occupi degli appalti, del caporalato, delle coop spurie, dell'evasione fiscale e contributiva perché è giusto che questo tema venga affrontato dalle e nelle istituzioni deputate. Vogliamo affrontare il problema: servono leggi ad hoc al fine di ridurre la filiera degli appalti e dei subappalti. A breve ci hanno detto che incontreremo il ministro». Hanno fatto sapere. A garantire la sicurezza della manifestazione polizia, carabinieri e municipale. Presenti in forze gli agenti del VII Reparto Mobile di Bologna e i militari dell'Arma del Battaglione sempre del capoluogo. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • San Nicolò, schianto all'incrocio tra un'ambulanza e un'auto: quattro feriti

  • Piacenza e l'Emilia-Romagna in zona arancione: quello che c'è da sapere

  • Animale sulla strada, si ribalta tra il guard rail e il muro di una casa

  • Con la caldaia rotta accendono il gas per scaldarsi, famiglia intossicata

  • In auto centra tre vetture in sosta e si ribalta. Illeso

  • Irenfutura, 13 posizione aperte in Emilia per lavorare con Iren

Torna su
IlPiacenza è in caricamento