Lui non risponde al telefono da giorni, lei lo va cercare e gli salva la vita

La vicenda è accaduta nei giorni scorsi in città. In una città semideserta, dove l’emergenza coronavirus si è abbattuta sì come un maglio, ma non ha fatto dimenticare la solidarietà e l’aiuto da dare a chi ci sta vicino.

Immagine di repertorio

Non risponde al telefono e ai messaggi, lei lo va cercare a casa e gli salva la vita. Una buone notizia, di quelle che non rispettano la regola del giornalismo delle tre “s”: sesso, sangue e soldi. Una notizia che ha rispettato la regola delle “r”: responsabilità. Protagonista di questa storia con un grandissimo lieto fine è una dipendente comunale di 44 anni.

La vicenda è accaduta nei giorni scorsi in città. In una città semideserta, dove l’emergenza coronavirus si è abbattuta sì come un maglio, ma non ha fatto dimenticare la solidarietà e l’aiuto da dare a chi ci sta vicino. Un dipendente 50enne della multiutility Iren da alcuni giorni non rispondeva alle chiamate dei colleghi e della donna di 44 anni che, per motivi di lavoro, ha rapporti con lui. Le amiche sono lontane e la donna - anche lei abita in città, in centro - si offre di andare a vedere perché quell’uomo non risponde. Da qualche giorno, poi, aveva confidato di non sentirsi molto bene.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La 44enne si incammina così nella zona di viale Dante e raggiunge l’abitazione del collega. La porta del condominio è chiusa. Decide di premere il tasto del citofono. Lo fa più volte. Forse non è in casa, pensa. Poi, lo scrupolo è più forte e l’emergenza virus spinge a non mollare subito, a non fare spallucce. La donna chiama il 118 e spiega che cosa sta accadendo. Arriva un’ambulanza. Arrivano i vigili del fuoco. Salgono nell’appartamento e trovano l’uomo in condizioni critiche. Presagendo qualcosa, aveva lasciato la porta aperta. Non aveva chiuso a chiave. In pochi minuti, l’uomo viene caricato sull’ambulanza e trasportato in ospedale. «L’ho visto mentre lo portavano via - racconta la donna - stava male ma era cosciente». Ricoverato in terapia intensiva, si scopre che aveva contratto il coronavirus. E’ grave e, in seguito, verrà trasportato all’ospedale di Bologna. La donna rigetta i complimenti per il suo comportamento e dice «che la solidarietà tra vicini di casa è molto più ampia di quanto si immagini, soprattutto in questi momenti di crisi».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Esce di strada e si ribalta in un campo, muore a 32 anni

  • Ruba scarpe da 40 euro ma nella mascherina ne ha più di 6mila: nomade denunciata

  • Tenta un sorpasso a velocità folle poi si ribalta e tenta di scappare a piedi: denunciato

  • Nina Zilli porta Guido Meda in giro per la Valtrebbia

  • Cavo nel bosco ad altezza gola, ciclista piacentino salvo per miracolo

  • Diventano parenti al matrimonio e poi si picchiano al bar: due feriti e una denuncia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento