Lusurasco, rinviata ancora la decisione per la centrale di biogas

A Lusurasco è ancora sospesa la decisione sulla realizzazione dell'impianto di energia alimentato a biogas. Martedì 16 dicembre si attende il nulla osta delle istituzioni. Contro, i cittadini e Italia Nostra, preoccupati delle contaminazioni ambientali

Si deciderà il 16 dicembre prossimo, martedì. Il veto sulla realizzazione, a Lusurasco, della centrale alimentata a biogas per la produzione di energia. Ieri, al tavolo dei lavori, si sono riuniti l'Arpa e l'Asl, la Provincia e i comuni di Castellarquato e Alseno. La decisione finale sul via libera alla costruzione dell'impianto, spetta alla giunta provinciale. Contrari i cittadini.

Intanto tecnici e istituzioni stanno studiando la documentazione. Soprattutto quella inerente all'impatto ambientale della centrale, i rischi sull'ambiente dell'impianto, le modalità di approvazione del progetto.

Risentita Italia Nostra, che ha diffuso una nota sul proprio disappunto. “Italia Nostra - si legge nella nota - non è stata invitata a partecipare alle audizioni effettuate poche settimane fa (precisamente il 7 novembre scorso) dall’Amministrazione provinciale di Piacenza”. E il presidente, Luigi Ragazzi, aggiunge per iscritto: “riteniamo inspiegabile tale esclusione, visto che proprio Italia Nostra aveva a suo tempo presentato osservazioni sulla suddetta richiesta”.
Si tratta di impianto alimentato da fonti rinnovabili o da rifiuti?

Le preoccupazioni sollevate da Italia Nostra e condivise dai cittadini allarmati per eventuali contaminazioni ambientali, riguardano soprattutto la catalogazione della centrale. Si tratta di impianto alimentato da fonti rinnovabili o da rifiuti? Si dice che appartenga alla prima categoria, ma allora – obietta Italia Nostra – come mai è previsto un impianto di deodorizzazione? E come mai c'è un considerevole scarto di tempo fra la produzione degli scarti vegetali e il loro impiego nella centrale a biogas?

L'idea della centrale, infatti, è stata proposta dall'industria Conserve Italia per reimpiegare, nella produzione di energia, i propri scarti di lavorazione. Adesso si attende il responso delle autorità.



Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scontro tra due camion in autostrada, muore 56enne piacentino

  • Si schianta in moto contro un'auto che fa inversione, giovane all'ospedale

  • Norme anti covid, multati due locali aperti dopo mezzanotte. Nei guai anche un cliente senza mascherina

  • Ennesimo tragico infortunio sul lavoro, agricoltore muore schiacciato dal trattore

  • Ladri sfondano l'ingresso e portano via le bici da corsa, fallisce il colpo da Raschiani

  • Come non sporcare la mascherina con il trucco

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento