'Mafia Spa', pubblicità choc a Piacenza: il caso finisce sul Fatto Quotidiano

E' finito sul Fatto Quotidiano il caso della campagna choc che dal 17 febbraio crea scalpore a Piacenza con un centinaio di manifesti e poster appesi per la città raffiguranti lupare, o frasi come 'Mafia Spa, la prima azienda del paese'

E' finito sul Fatto Quotidiano il caso della campagna pubblicitaria choc che dal 17 febbraio crea scalpore a Piacenza con un centinaio di manifesti e poster appesi per la città raffiguranti lupare o frasi come 'Mafia Spa, la prima azienda del paese'. 

"Campeggiano all'uscita dei supermercati, davanti alle scuole elementari e medie e in bella mostra alle porte della città, a fianco dei cartelli di benvenuto. Sono i poster 'Mafia spa', campagna choc artistico-pubblicitaria che da qualche settimana ha invaso Piacenza per promuovere l’insolito prodotto: la criminalità organizzata, appunto. La campagna - destinata a far parlare di sé, anzi creata proprio per quello - ha buttato giù dal letto, lo scorso 17 febbraio, sindaco e questore di Piacenza dopo che l’intera città si è svegliata con cento manifesti e quattro maxiposter 6×3 dove si promette più sicurezza, meno estorsione, più libertà e maggiore ricchezza".

"Come? Con lupare, droga legalizzata, una quota di pizzo minore dell’aliquota Iva e con una azienda, la Mafia società per azioni, 'che è la prima azienda del Paese', come titolava Repubblica il 27 ottobre 2007 quando - riportando i dati di Sos imprese - attribuiva alla criminalità organizzata 90 miliardi di fatturato annuo e una drastica diminuzione delle denunce". Così si legge sul sito del Fatto Quotidiano.

Il pezzo continua così: "Per chi non fosse uscito di casa, quel giorno, c'era invece l’unica emittente radiofonica locale che, a scadenza regolare per tre volte al giorno, mandava in onda gli spot radiofonici che ricalcavano il contenuto dei manifesti, tratteggiando uno Stato che “ti rapina con le tasse” a fronte di un pizzo che 'ti costa solo il 20%'".

LE REAZIONI - "Da subito, l’associazione Libera si è detta 'sconcertata' appellandosi alle autorità locali per la rimozione “immediata dei manifesti”. Lo stesso Comune di Piacenza, con un dispaccio a firma del primo cittadino Roberto Reggi, ne ha chiesto l’eliminazione: "Il contenuto dei poster è inquietante e offensivo nei confronti dei cittadini in quanto pare inneggiare alla criminalità organizzata". Un appello sottoscritto anche dalla Questura, ma finora niente. Perché anche se la concessionaria per le affissioni fa capo all’amministrazione comunale, la rimozione è demandata all’autorità giudiziaria".

DAVIDE VALENTI, L'AUTORE - "Dal canto suo Davide Valenti, autore della campagna artistico-pubblicitaria, continua l'articolo, si appella al suo diritto di parola: "Qui si viola la libertà di parola ed espressione" sostiene l’artista agrigentino. Da anni Valenti vive e lavora a Milano, ed è autore per altro di un’altra personale che fece altrettanto discutere: 'God is a palindrome'".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

LA MAFIA IN EMILIA - "L’operazione di Valenti non aiuta di certo gli sforzi degli enti locali piacentini che da tempo stanno cercando di fronteggiare la silenziosa avanzata delle infiltrazioni mafiose anche nella piatta Emilia: se nel 2009, davanti alla Commissione antimafia, il ministro dell’Interno Roberto Maroni dichiarava come siano documentati gli interessi dei clan calabresi in Emilia Romagna, soprattutto a Parma, Piacenza e Rimini, il dossier redatto dal gruppo dirigente locale dell’Italia dei valori- e fatto recapitare allo stesso Maroni- delinea un territorio non certo immune ai lunghi tentacoli della Piovra".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Frontale a Castellarquato: muore un uomo, altre due persone sono gravissime

  • Si schianta in moto contro un'auto che fa inversione, giovane all'ospedale

  • Travolto da un Tir mentre cammina al buio sul cavalcavia, 24enne in fin di vita

  • Norme anti covid, multati due locali aperti dopo mezzanotte. Nei guai anche un cliente senza mascherina

  • Ennesimo tragico infortunio sul lavoro, agricoltore muore schiacciato dal trattore

  • Ladri sfondano l'ingresso e portano via le bici da corsa, fallisce il colpo da Raschiani

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento