Maltempo, la situazione delle strade piacentine

Diverse strade in Valnure, Valdarda e Valtrebbia hanno subito frane e dissesti. La frana tra Folli e Casalcò (Ferriere) interrompe la provinciale 654. A Ravazzoli di Morfasso cede la strada, la provinciale di Bobbiano impraticabile

la strada di Bobbiano

Nella notte di domenica 24 novembre, dopo ore di maltempo e precipitazioni, mentre a Piacenza viene tenuto sotto controllo il livello del Po, in provincia si sono registrati diversi smottamenti. Il primo in Valnure lungo la strada comunale tra il Ponte Nano e Proverasso che è stata chiusa al traffico. Un altro lungo la strada provinciale 18 di Zerba tra Vezimo e Pey. Pey è comunque raggiungibile dal passo del Brallo o da Voghera.  Si segnala anche che la strada provinciale 52 di Cariseto è frane maltempo 2019interrotta tra Selva e Cariseto per una frana, ma tutte le località e le abitazioni sono comunque raggiungibili. Segnalato un movimento franoso anche lungo la strada provinciale di Cariseto nei pressi di Ottone che però non limita la circolazione. E già stato programmato un intervento di pulizia. Tutte le situazioni sono monitorate e gestite dal servizio Viabilità della Provincia di Piacenza, dal Consorzio di Bonifica e dai comuni coinvolti. «Ringraziamo il comune di Ferriere e tutte le amministrazioni comunali con le quali siamo in continuo contatto e in stretta collaborazione» scrive in una nota il Consorzio di Bonifica di Piacenza.

A Bobbio, in località Centomerli, lungo la Statale 45 è stato istituito il senso unico alternato da Anas dopo che, la mattina di domenica 24 buca statale 45 bobbio 01-2novembre, è comparsa nell'asfalto, al centro della strada, una voragine. Si tratta di un punto che già in passato era stato oggetto di interventi, ma che nelle ultime ore ha nuovamente ceduto. Sul posto sono intervenuti anche i carabinieri di Bobbio per verificare la situazione.

Aggiornamento ore 12.20 del 24 novembre

Chiusa la strada Santa Franca - Stromboli (comune di Farini) per smottamenti. Si invita a prestare attenzione. Sul posto anche personale del Consorzio di Bonifica. Chiusa anche la strada Ferriere-Rocca.

AGGIORNAMENTO ORE 21 DEL 24 NOVEMBRE

La strada provinciale di Bobbiano (Valtrebbia) è stata chiusa al transito a monte di Travo per una frana, mentre la strada provinciale di Zerba è stata riaperta nel tardo pomeriggio. Un movimento franoso ha interessato il tratto di provinciale Valnure 654 tra Folli e Casalcò nel territorio di Ferriere. Un’altra frana ha interessato la strada di Ravazzoli di Morfasso, in Alta Valdarda. Quattro residenti, tutti anziani, della piccola frazione di Ravazzoli rischiano di essere isolati, qualora la frana peggiorasse. Il sindaco di Morfasso Paolo Calestrani si è recato in visita agli abitanti. A Bettola è stato registrato un danneggiamento dell’acquedotto Valnure, appena sopra il paese. Disagi anche a Carmiano di Vigolzone: diverse le abitazioni allagate e le crepe lungo le strade.

La situazione a Carmiano di Vigolzone

WhatsApp Image 2019-11-25 at 16.02.58 (1)-2WhatsApp Image 2019-11-25 at 16.02.58 (3)-2WhatsApp Image 2019-11-25 at 16.02.58 (2)-2

WhatsApp Image 2019-11-25 at 16.02.57-2WhatsApp Image 2019-11-25 at 16.02.57 (1)-2WhatsApp Image 2019-11-25 at 16.02.59-2

Il cedimento della strada a Ravazzoli di Morfasso

Ravazzoli-2

Le foto della strada provinciale di Bobbiano

Bobbiano-5

Bobbiano-6

Bobbiano-5

Bobbiano-6

AGGIORNAMENTO ORE 8 DEL 25 NOVEMBRE 

Inizialmente il Comune di Ferriere aveva segnalato il problema lungo la provinciale Valnure 654 tra Follì e Casalcò. Successivamente si è reso necessario chiudere la strada al transito. Il movimento franoso si è allargato e la strada si è resa impraticabile. L'alta Valnure ha perso così il suo collegamento diretto con molte frazioni come Gambaro e Selva, essendo già stata chiusa nelle scorse ore la strada tra Rompeggio e Colla di Gambaro.

Le foto della frana tra Follì e Casalcò

Folli-Casalcò-2

Folli-Casalcò-4

Folli-Casalcò-3

Folli-Casalcò-2

AGGIORNAMENTO ORE 9.30 DEL 25 NOVEMBRE

Sono state riaperte le strade di Ottone Soprano e la Ferriere-Rocca.  Ancora chiuse, ma senza persone isolate: Ponte Nano-Proverasso (Ferriere) e Santa Franca-Stomboli (Farini).  Sulle Strade Villanova-Aglio-Pradovera, Vezzera-Pradaglione, Lagobisione FormaggeraMezzano Scotti Crocetta di Cicogni, Cerignale Oneto non si registrano situazioni di pericolo imminente ma va tuttavia segnalato che le cunette sono compromesse e alcuni tombini otturati. Anche qui i terreni sono molti intrisi e la situazione di assetto idrogeologico è ancora del tutto in evoluzione e per questo sotto monitoraggio da parte del Consorzio di Bonifica. 

La strada Santa Franca-Stomboli a Farini

santa franca - stomboli-2

AGGIORNAMENTO ORE 11 

La frana che ha interessato la strada provinciale Valnure 654 nel comune di Ferriere, tra le frazioni di Folli e Casalcò, è in continuo movimento. Alla luce della chiusura della strada che rende isolati i collegamenti con le frazioni di Gambaro e Selva, è stata riaperta la strada comunale tra Rompeggio e Colla.

A Bettola, dopo i problemi registrati all'acquedotto nelle scorse ore, il Comune ha diramato un'ordinanza che vieta di utilizzare l'acqua dei rubinetti per uso domestico (senza farla bollire), fino a che Iren non avrà fatto i controlli del caso. La stessa ordinanza è stata emessa anche per tutto il comune di Pontedellolio e per le frazioni del comune di Vigolzone (non Grazzano Visconti, La Cabina e il capoluogo Vigolzone).  

Folli-Casalcò-5 Folli-Casalcò-5

La strada di Cattaragna (Ferriere, Valdaveto)

WhatsApp Image 2019-11-25 at 11.31.50-2

Una frana a Vaio di Centenaro (Ferriere) a ridosso del centro abitato

Vaio 2-2

Vaio-3

AGGIORNAMENTO ORE 12

Una frana ha interessato la Statale 45 "Valtrebbia" a Bellaria di Rivergaro. Sull'asfalto è comparsa una grossa crepa. Gli operai sono al lavoro: senso unico alternato in quel tratto. 

Bellaria-3

Bellaria-2

Bellaria-3

Segnalate inoltre situazioni di criticità lungo le seguenti strade, che però non comportano l’interruzione della circolazione: 

• Strada provinciale n. 18 di Zerba, tra Vezimo e Pey;

• Strada provinciale n. 412R di val Tidone, prima del centro abitato di Trevozzo;

• Strada provinciale n. 39 del Cerro;

• Strada provinciale n. 71 di Collerino, nei pressi del bivio per la località Olza;

• Strada provinciale n. 56 di Borla, loc. Comini;

• Strada provinciale n. 40 di Statto;

• Strada provinciale n. 57 di Aserei;

AGGIORNAMENTO ORE 15

Peggiora di ora in ora la situazione della provinciale Valnure 654 tra Casalcò e Folli di Ferriere. La frana è in continuo movimento e ha travolto il collegamento tra Ferriere e Selva. Ecco la situazione. 

Folli-Casalcò-6

Folli-Casalcò-6

La situazione tra Cariseto e Lisore

cariseto_lisore_4-2

cariseto_lisore_3-2

cariseto_5_ottone-2

cariseto_lisore_1-2

La situazione a Zerba

Zerba-2

04a3ee2b-2d3b-4d69-a743-6304fdb251c4-2

La situazione sulla strada provinciale 412 Valtidone

412R_valTidone_2-2

Non si può raggiungere la frazione di Predalbora di Groppallo, nel territorio del comune di Farini (Alta Valnure)

Predalbora-4

RETE IDRICA IN DIFFICOLTÀ A CAUSA DELLE PRECIPITAZIONI: IRETI MOBILITATA A SERVIZIO DEL TERRITORIO PIACENTINO

Le recenti precipitazioni hanno messo a dura prova le reti acquedottistiche della montagna e della medio collina piacentina gestite da IRETI, i cui tecnici fin dalle prime ore dell’emergenza si sono mobilitati per rispondere alle necessità del territorio. In particolare, le maggiori criticità si sono riscontrate a Bettola, Farini e Ponte dell’Olio. In quest’ultima località, in considerazione del rapido intorbidimento dell’acqua in rete, si è proceduto al distacco dell’acqua sorgiva proveniente da monte ed alla attivazione degli impianti che emungono l’acqua di falda dal sottosuolo, riportando rapidamente la situazione alla normalità nel capoluogo, mentre nelle frazioni si stanno ultimando i lavaggi dell'acquedotto. 

Più complicata la situazione a Farini e Bettola, che ricavano l’acqua da sorgenti a monte che si erano rapidamente intorbidite. Il fatto, di natura eccezionale dal momento che si tratta di un raro episodio avvenuto a distanza di anni dall’ultimo intorbidimento, è da ascriversi alla eccezionalità delle precipitazioni: tutte le sorgenti non idonee sono state deviate e mandate in scarico, mentre è stata mantenuta in rete - sia pure con minore portata - l’acqua limpida che possedeva le caratteristiche idonee per essere distribuita. Nelle vasche di raccolta a servizio delle due località si è accumulata invece acqua torbida che è stata scaricata per consentire i lavaggi dei serbatoi stessi e, successivamente, della rete a valle, operazioni che sono attualmente in corso.

In mattinata è stato effettuato un sopralluogo alle sorgenti della Rocca, che al momento risultano ancora torbide tranne una risultata idonea, che è stata rimessa in rete. Si confida di riuscire, nelle prossime 24 ore, a ristabilire la normalità per gran parte delle località servite. I tecnici IRETI sono in continuo contatto con i Sindaci delle località interessate, con le Autorità e con la Protezione Civile. Sono state emesse dai Sindaci di Bettola e Farini ordinanze temporanee di divieto di utilizzo dell’acqua per scopi alimentari. In caso di necessità gli utenti possono segnalare eventuali problematiche al Numero Verde 800 038 038 attivo tutti i giorni h24

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • «Due positivi in discoteca e mancanza delle norme anti Covid». Disposta la chiusura del Paradise

  • Identificato l'operaio ucciso dal crollo di un silos. Forse il cedimento di un sostegno la causa della tragedia

  • Crolla un silos, 50enne muore schiacciato

  • Altoè, 55enne muore alla guida dell'auto

  • Muore schiacciato dal trattore mentre lavora nei campi

  • Coronavirus, quindici nuovi casi in un giorno a Piacenza e un decesso

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento