Maltempo, prefetto e carabinieri forestali: «Massima attenzione nel greto dei fiumi»

Il prefetto Maurizio Falco e il comandante dei carabinieri forestali, il colonnello Enzo Compagnin invitano i cittadini a prestare la massima attenzione e a tenere comportamenti corretti per evitare situazioni di pericolo che potrebbero essere causate da piene improvvise e bombe d'acqua

Bagnanti in Trebbia

«Preferisco fare prevenzione a costo di sembrare ripetitivo piuttosto che intervenire per ridurre un danno che poteva essere evitato. Per il fine settimana è stata diramata un'allerta meteo nel nostro territorio così come nei territori di Genova e in Lombardia che prevedono forti e improvvisi temporali. Invitiamo i cittadini a usare precauzioni e accortezze per evitare situazioni di pericolo che potrebbero degenerare», a dirlo il prefetto Maurizio Falco insieme al comandante dei carabinieri forestali, il colonnello Enzo Compagnin nella mattinata del 24 agosto. «Nel weekend dieci carabinieri pattuglieranno in auto, a piedi e anche in bicicletta le zone più frequentate delle valli Nure, Aveto e Trebbia per informare e proteggere, insieme alla polizia municipale, tutti i turisti e coloro che vorranno fruire dei fiumi e delle zone golenali. Ricordiamo che è vietato in tutta la regione il campeggio libero, invitiamo a non parcheggiare le auto nel greto: vanno posizionate in modo da poter garantire una fuga rapida in caso di pericolo, chiediamo di non avventurarsi in sentieri, scarpate o attraversamenti in acqua senza esserne in grado e senza attrezzatura e abbigliamento corretti. Ogni persona deve cercare di informarsi e tentare, per quanto possibile, di non osare o pensare che non succeda nulla qualora adotti un comportamento scorretto. Oltre alla multa, si potrebbe rischiare qualcosa di più. Chi assiste a comportamenti illeciti ci chiami subito», ha detto il colonnello.  Migliaia le persone che hanno affollato e affollano tuttora i fiumi, molti extracomunitari o non residenti nel nostro territorio, e che spesso non conoscono i divieti, le prescrizioni e anche le insidie. Una quindicina le multe elevate dai carabinieri per campeggi liberi e accensione di fuochi in zone vietate nelle ultime settimane. Un invito al senso del dovere e al buon senso per fronteggiare al meglio le condizioni climatiche che cambiano repentinamente: non è detto che se a Bobbio c'è il sole, nel Genovese non piova anche in maniera molto intensa: ciò potrebbe provocare un'ondata di piena improvvisa nei nostri fiumi e torrenti. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Carla non ce l'ha fatta, il suo alpino Stefano la piange dopo la serenata davanti all'ospedale

  • Cacciatore cade in un dirupo e muore

  • Cene e ritrovi clandestini in due locali, blitz della finanza: multa per tutti e attività sospesa

  • «Noi facciamo sesso, licenziateci tutte». Il Centro Tice prende posizione sul caso della maestra di Torino

  • Nuova ordinanza della Regione: aperti i negozi nei festivi. Ma si rimane in fascia arancione

  • Le spaccano la faccia contro una cancellata per rapinarla della borsa

Torna su
IlPiacenza è in caricamento