Marijuana vicino al cimitero, carabinieri si calano nel dirupo per arrestare il proprietario

I residenti insospettiti da strani movimenti hanno avvisato i carabinieri. Dopo una serie di appostamenti hanno atteso che il proprietario si recasse nel terreno per annaffiare le piante: ne hanno trovate 41 e altre 11 nella sua abitazione

Le piante sequestrate dai carabinieri

Quando i residenti di Vigolo Marchese (Castellarquato) si recavano al cimitero a far visita ai propri cari, notavano spesso strani movimenti. Un via vai nei pressi di un dirupo che porta in una boscaglia. Così hanno segnalato i loro sospetti ai carabinieri di Castellarquato che, insieme ai colleghi dell’Aliquota operativa di Fiorenzuola e a quelli della Stazione di Carpaneto, hanno avviato gli accertamenti. Le indagini hanno portato a scoprire una piantagione di marijuana e ad arrestare il proprietario. Si tratta di un 46enne disoccupato, residente nel borgo della Valdarda, già con precedenti per detenzione di droga a fini di spaccio. Ora è accusato di coltivazione e detenzione di droga e comparirà nelle prossime ore per la direttissima.

L’arresto è avvenuto nel primo pomeriggio di venerdì 4 settembre. I carabinieri da giorni si appostavano in una specie di dirupo, nella zona di Vigolo Marchese, per controllare i movimenti dell’uomo. Un’operazione resa complicata a causa del terreno scosceso e difficile da raggiungere. Per questo venerdì, quando hanno arrestato l’uomo, si sono serviti dei vigili del fuoco di Fiorenzuola che, con corde e imbracature li hanno aiutati a calarsi proprio vicino alla piantagione. Hanno atteso che il 46enne si recasse nel suo terreno per annaffiare le piante e lo hanno fermato. In tutto ne possedeva quarantuno, alte almeno tre metri. I militari hanno poi effettuato una perquisizione nella sua abitazione, trovandone undici nei vasi e novecento grammi già preparati pronti da immettere sul mercato. Le piante sono state tagliate e sequestrate.

È comparso per la direttissima  davanti al giudice Laura Pietrasanta e al pm Sara Macchetta. L’uomo, difeso dall’avvocato Flavio Dallagiovanna, ha ottenuto gli arresti domiciliari in attesa del processo che è stato rinviato. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scandalo Levante, indagato il colonnello dell'Arma Corrado Scattaretico

  • Tenta un sorpasso a velocità folle poi si ribalta e tenta di scappare a piedi: denunciato

  • San Polo, camion di pomodori si ribalta e perde tutto il carico

  • Rissa al Tuxedo, parla il gruppo dei campani: «Noi offesi, minacciati e insultati»

  • Calvino e Don Minzoni: due fratelli positivi al Coronavirus, isolate 54 persone

  • Muore schiacciato sotto un trattore a Ferriere

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento