Cronaca

Ricettazione e calunnia, 3 anni e 4 mesi al sindaco di Marsaglia Bossini

Nella casa del sindaco di Marsaglia di Corte Brugnatella vennero trovate opere d'arte trafugate. Bossini rimase in carcere un week-end. Accolta dal tribunale di Genova la richiesta del pm. Il primo cittadino ricorrerà in appello

E' stata accolta la richiesta del pm Azzarà nel processo contro il sindaco di Marsaglia di Corte Brugnatella Ettore Bossini - a Genova (nella foto il tribunale) -, accusato di ricettazione dopo che vennero ritrovate nella sua casa numerose opere d'arte trafugate, cinque anni fa: il giudice ha disposto una pena di tre anni e quattro mesi, oltre a una multa di oltre 3mila euro.

Lo riportano con dettagliati articoli i quotidiani locali stamane. Bossini, a Libertà, ha dichiarato "di essere estraneo al fatto": "Non ho nessuna intenzione di patteggiare, perchè sarebbe come un'ammissione di colpa. Ora ricorrerò in appello. Voglio che venga fatta luce sulla vicenda", ha sottolineato.

Tutto nacque cinque anni fa, quando si registrarono furti in oltre 25 chiese del Genovese, con la sparizione di trecento pezzi pregiati, alcuni del Trecento. Gli oggetti d'arte vennero ritrovati nell'abitazione privata di Bossini. Il primo cittadino passò un fine settimana in carcere. Inoltre, è stato accusato di ricettazione per opere appartenenti a una benefattrice di Marsaglia, Domenica Rosa Mazzolini, con la presenza anche di un preziosissimo De Chirico.

Immagine da osservatoriofamiglia.it

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ricettazione e calunnia, 3 anni e 4 mesi al sindaco di Marsaglia Bossini

IlPiacenza è in caricamento