Martellate alla moglie in Tribunale, chiesti sei anni e sei mesi di carcere

Davanti al Gup Giuseppe Bersani la richiesta del pm Colonna per il grave episodio avvenuto nel maggio del 2014. L'uomo, 61 anni residente a Podenzano, deve rispondere di tentato omicidio aggravato

I rilievi dei carabinieri all'epoca dei fatti

E’ di sei anni e sei mesi di reclusione la richiesta di pena che il pubblico ministro Antonio Colonna ha presentato al gup Giuseppe Bersani nei confronti del piacentino di 61 anni che il 27 maggio del 2014 aveva aggredito a martellate la moglie nei corridoi del Tribunale di Piacenza in occasione dell’udienza di separazione
L’uomo - G.M. le iniziali, residente a Podenzano, attualmente in carcere a Parma - è difeso dall’avvocato piacentino Guido Gulieri che parlerà per la sua replica il 9 luglio: per l'imputato l’accusa è di tentato omicidio premeditato.

La mattina del 27 maggio, il 61enne aveva aggredito a colpi di martello (che aveva nascosto in una borsa) la moglie dalla quale si stava separando. I due erano in tribunale, nella sezione civile al primo piano del palazzo di via del Consiglio, proprio per l’udienza di separazione consensuale. La donna, una magrebina di 33 anni, era stata ricoverata in ospedale a Piacenza dopo l’intervento e le prime cure prestate dal 118: aveva riportato un trauma cranico, ma non è mai stata in pericolo di vita

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ripescata nel Po un'auto con a bordo un cadavere, è Daniele Premi

  • Nuovo decreto e spostamenti tra Regioni e Comuni: cosa si può fare (e cosa no) dal 16 gennaio

  • Cade dalle scale di casa e batte la testa, è grave

  • Frontale tra due auto a Fiorenzuola: tre feriti, uno è gravissimo

  • Brugnello, Rivalta, Vigoleno: Valtrebbia e Valdarda grandi protagoniste a "Linea Verde"

  • Solo in Italia e ricoverato in ospedale a Piacenza, i poliziotti delle volanti si prendono cura del suo cane

Torna su
IlPiacenza è in caricamento