menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Mascherine obbligatorie di sera anche all’aperto nei luoghi della movida

Nuova stretta da parte del governo per contenere la diffusione del coronavirus in Italia, insieme alla chiusura delle discoteche

Le mascherine diventano obbligatorie dalle 18 alle 6 del mattino anche all'aperto e dove è più facile che si creino assembramenti. Questa la decisione del governo, insieme alla chiusura delle discoteche, arrivata oggi al termine di un incontro con i governatori delle Regioni, per contenere l’aumento dei contagi di coronavirus. 

“Avanti con prudenza”, ha twittato il ministro della Salute Roberto Speranza, riassumendo le due decisioni di oggi: “1. Sospensione delle attività del ballo, all’aperto e al chiuso, che abbiano luogo in discoteche e in ogni altro spazio aperto al pubblico. 2. Obbligo di mascherina anche all’aperto dalle 18 alle 6 nei luoghi dove c’è rischio di assembramento”. 

tweet speranza chiusura discoteche mascherina-2

Mascherine obbligatorie, la nuova ordinanza

Secondo la nuova ordinanza, anticipata dal Corriere della Sera, il governo ha deciso di rendere obbligatorio l’utilizzo della mascherina “dalle 18 alle 6”, su tutto il territorio nazionale.

Si legge:

"E fatto obbligo dalle ore 18.00 alle ore 06.00 sull’intero territorio nazionale di usare protezioni delle vie respiratorie anche all’aperto, negli spazi di pertinenza dei luoghi e locali aperti al pubblico nonché negli spazi pubblici (piazze, slarghi, vie) ove per le caratteristiche fisiche sia più agevole il formarsi di assembramenti anche di natura spontanea e/o occasionale"

"Restiamo uno dei paesi più sicuri al mondo per la sicurezza sanitaria; questa condizione non è casuale ma figlia dei sacrifici che abbiamo fatto e che vanno difesi - ha detto il ministro per gli Affari regionali Francesco Boccia durante la riunione tra governo e regioni in cui è stata decisa la chiusura delle discoteche - Ora è il momento di andare avanti ma limitando al massimo le attività che presuppongono contatti fisici e assembramenti incontrollabili”. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

«Allargare la cava significa più inquinamento per la zona»

Attualità

Sanità, venerdì 9 aprile presidio di fronte all'Ospedale di Piacenza: «Servono risorse, non solo parole»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento