Massimo scrive a Perazzi: «Abbiamo litigato poi è scappata e non l'ho più vista»

Sebastiani avrebbe scritto una lettera a mano e l'avrebbe messa nella cassetta dell'amico Silvio Perazzi (arrestato per favoreggiamento): «Abbiamo litigato nel pollaio, poi si è allontanata». Il 10 settembre l'interrogatorio di garanzia, mercoledì l'autopsia

La casa di Silvio Perazzi

«Abbiamo pranzato insieme poi abbiamo litigato nel pollaio, lei è scappata fuori e non l'ho più vista», più o meno così ha scritto Massimo Sebastiani su alcuni fogli di carta messi nella cassetta delle lettere dell'amico (e padre della sua ex) Silvio Perazzi a Costa Cerini di Sariano tra martedì e mercoledì scorsi. Quando Perazzi l'ha trovata avrebbe chiamato i carabinieri e l'ha consegnata loro, pare. I militari, che già avevano capito che Sebastiani poteva trovarsi in quelle zone, hanno poi scoperto che l'operaio di Campogrande avrebbe dormito nella mansarda dell'ex suocero, per lo meno, negli ultimi giorni. Nella lettera avrebbe anche scritto di essere stanco e affamato ma di non aver ucciso Elisa (che invece si trovava già da giorni nella scarpata a qualche centinaio di metri dalla casa passata al setaccio dagli investigatori). I fogli corrisponderebbero ad un'agenda trovata in casa di Perazzi che poi è stato arrestato per favoreggiamento: come e fino a che punto può allora aver aiutato Massimo? Sapeva che Elisa era nascosta nei boschi lì vicino? Perazzi, intervistato dai giornalisti di Pomeriggio Cinque aveva dichiarato: «Ha il cuore grosso come la sua potenza. Massimo, cerca di tornare: non puoi comportarti così, se hai sbagliato pagherai». E ancora: «Se le è successo qualcosa non è sicuramente stato fatto in modo volontario». Poi la svolta e l'arresto di entrambi. Massimo, il 7 settembre si è fatto infine trovare davanti a casa di Silvio perché non aveva più scampo, la sera prima aveva seppellito Elisa: prima l'aveva vegliata e le aveva tenuto la mano, dormendo accanto al suo corpo.  Nella giornata del 10 settembre si svolgerà alle Novate l'interrogatorio di garanzia di Sebastiani che si dice pentito. L'uomo sarà interrogato alla presenza anche del suo avvocato Mauro Pontini. Mercoledì invece a Pavia sarà effettuata l'autopsia sul corpo di Elisa Pomarelli. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • «Lavoratrice instancabile e solare». Filoteea muore a 22 anni

  • Tamponamento tra due tir in A1, muore un uomo

  • Precipita nelle acque del Po, salvato appena in tempo

  • Auto avvolta dalle fiamme, conducente scende appena in tempo e si salva

  • Dopo un folle inseguimento tra la gente si scaglia contro i carabinieri: arrestato

  • Travolto da un furgone mentre attraversa la Provinciale sulle strisce, grave un bambino

Torna su
IlPiacenza è in caricamento