menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Maxi esercitazione dell’Esercito sul Po con quattrocento soldati

Il 27 novembre, impiegate 14 unità di diverse specialità. Operazione del Comando Genio per testare la capacità di risposta e il coordinamento di componenti differenti. Vasto impiego di mezzi ed elicotteri, in azione anche i lagunari e gli specialisti della guerra elettronica

Una esercitazione di alto livello che si svolgerà lungo le rive e che vedrà impiegati oltre 400 soldati, provenienti da 14 reparti diversi di tutta Italia. Un’operazione che dovrà testare le capacità di diverse armi (pluri-arma) con sistemi comuni di comando e controllo, dove la interoperabilità la farà da padrone. Lo scenario sarà il più vicino alla realtà: soldati che bonificheranno una sponda nemica, il gittamento di un Pgm (Ponte galleggiante motorizzato) tra la sponda piacentina e l’isolotto Maggi (sul versante Lodigiano) sul quale passeranno veicoli, blindati e persone, e saranno utilizzati elicotteri per evacuare i feriti. E’ in sintesi il cuore dell’operazione Smart Sapper (“Geniere intelligente”) la cui prima parte si è svolta, sempre lungo il Po, lo scorso anno. L’esercitazione. ha spiegato il colonnello Salvatore Tambè, comandante del 2° reggimento Genio pontieri, è affiliata ad Atlante 18 e federata con l’esercitazione Golden Wing.

Importante, ha affermato Tambè, sarà mantenere «le capacità operative dei comandanti e delle truppe. Perfezioneremo le capacità di risposta e affineremo le procedure di coordinamento». Svolta su diversi giorni, l’esercitazione è stata programmata dal Comando Genio. Le tecnologie più sofisticate (sarà presente anche il 33° retambe?-3ggimento EW (guerra elettronica) dovranno andare a braccetto con le capacità professionali degli uomini, declinate nelle diverse specialità che saranno operative: fanti, genieri, lagunari, cavalleria, artiglieria (compreso un reggimento specializzato nell’acquisizione obiettivo e analisi dei dati), trasmissioni, guerra batteriologica e chimica. Tanta la tecnologia che sarà messa in campo. Infine, ha sottolineato il comandante Tambè «ci sarà un’attenzione particolare anche all’ambiente e al territorio in un’ottica di rispetto».

LE 14 UNITA’ DELL’ESERCITAZIONE Comando Reggimento di Roma, 2° Reggimento Genio Pontieri di Piacenza, 7° Reggimento NBC “Cremona” di Civitavecchia, Multinational CIMIC Group di Motta di Livenza, 121° Reggimento Artiglieria contraerea “Ravenna” di Bologna, 2° Reggimento Trasmissioni di Bolzano, 33° Reggimento EW di Treviso (specializzato nella “guerra elettronica”), 41° Reggimento “Cordenons” di Sora (Frosinone), 13° Battaglione “Aquileia” di Anzio (Roma), 2° Reggimento Sostegno AVES “Orione” di Bologna, Reggimento Lagunari “Serenissima” di Mestre (Venezia), 3° Reggimento Genio Guastatori di Udine, Reggimento “Genova Cavalleria” di Palmanova (Udine) e il Reggimento Artiglieria a Cavallo di Vercelli.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento