Giovedì, 23 Settembre 2021
Cronaca

Medici e infermieri non vaccinati, 86 a rischio sospensione

Baldino: «Se non riusciamo a ricollocare i sanitari che hanno rifiutato la vaccinazione, scatterà la sospensione temporanea, ma che potrebbe diventare anche permanente»

Sono 86 i sanitari dell’Ausl di Piacenza che, al momento attuale, non si sono ancora sottoposti alla vaccinazione anti Covid senza “giustificazione”: 86 su oltre tremila operatori del mondo sanitario Piacentino. Per loro, medici e infermieri che operano sul territorio, potrebbe scattare a breve la sospensione dal servizio e dall’attività professionale. La Regione Emilia-Romagna non ha ancora reso note le disposizioni ufficiali in questi casi (come invece hanno fatto altri territori) ma la sospensione (che vale anche per lo stipendio) sembra probabile.

«Alcuni di loro hanno potrebbero già avere trovato un ricollocamento senza essere a contatto con il pubblico, altri sono in fase di valutazione. Per coloro che non riusciranno a trovare una posizione lavorativa scatterà una sospensione temporanea in attesa che si vaccinino – ne dà conferma il dg dell’Ausl, Luca Baldino -, ma che potrebbe diventare anche permanente. Ci auguriamo che questi sanitari, che mancano all’appello, cambino idea e si sottopongano alla somministrazione dopo il nostro richiamo».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Medici e infermieri non vaccinati, 86 a rischio sospensione

IlPiacenza è in caricamento