Cronaca

Il Mercato elettronico funziona: acquistato anche uno stock di preservativi

Il mercato elettronico si allarga: firmato il protocollo d’intesa da altri 30 comuni del Piacentino

Nella mattinata di venerdì 19 marzo nella sala del consiglio comunale in Municipio è avvenuta la sottoscrizione del protocollo d’intesa per l’utilizzo del mercato elettronico che permetterà di acquistare beni e servizi. Tra gli acquisti effettuati dal Comune di Piacenza ci sono stati in questi ultimi mesi preservativi da distribuire alle prostitute della città. L'acquisto si inserisce nel progetto Prostituzione :: Notizie su IlPiacenza - pagina 3
"Oltre la strada", promosso dal nostro comune per aiutare le vittime di sfruttamento sessuale. 

«I prodotti inseriti nel mercato elettronico - afferma Sergio Fuochi, responsabile dell’ufficio acquisti e gare - sono aumentati. Alcuni di questi sono stati inseriti direttamente dalle ditte. Questo dimostra come ci sia un forte interesse per questo servizio grazie al quale i tempi di assegnazione dei bandi si ridurranno. È un prodotto che funziona e abbiamo avuto un buon riscontro.

Ricordo che l’abilitazione al mercato elettronico inizialmente non sarà veloce perché il comune di Piacenza controllerà ogni ditta che chiederà di essere abilitata. Serviranno alcuni giorni per fare tutte le verifiche che richiede il codice degli appalti. Questi controlli ci forniscono alcune sicurezze durante l’utilizzo del mercato. Ecco il motivo per cui passeranno circa 20/30 giorni dalla richiesta all’abilitazione.

I comuni che sottoscrivono il protocollo - continua Sergio Fuochi - sono 30. Di questi 30, 16 hanno già tutte le credenziali per partecipare al mercato mentre i restanti devono ancora fornirle. Per questi 16 è prevista la formazione per venerdì 27 (per Borgonovo, Calendasco, Gragnano, Gossolengo, Piozzano, Rottofreno, Travo e Ziano) e lunedì 30 (Besenzone, Cadeo, Carpaneto, Monticelli, Podenzano, San Giorgio e Corte Brugnatella e Farini) nella la sala informatica di viale Beverora (dalle 9 alle 12). Alla fine di queste ore consegneremo le credenziali ai comuni che avranno partecipato.

Vorrei ricordare che abbiamo inserito anche le piccole manutenzioni edili nei servizi. Sappiamo che alcuni comuni ne hanno l’esigenza e abbiamo deciso di fornire anche questa possibilità». «Sarà sempre più necessaria – interviene l’assessore al Bilancio Luigi Gazzola - una collaborazione tra i comuni. Da parte del Comune di Piacenza siamo disponbili a fare ciò».

«Siamo partiti – spiega Giuseppe Morsia, dirigente direzione risorse - da un’amministrazione che già aveva fatto esperienza per tanto tempo su questo tema, quella di Firenze. E’ giusto che i risultati dello sforzo che è stato compiuto venga trasmesso ad altri. Mi auguro che anche le problematiche tecniche e operative vengano risolte con facilità. Vorrei ricordare in ultimo che la convenzione ha carattere sperimentale, dura due anni».

firma protocollo mercato elettronico Borgonovo-2

Firma Comuni mercato elettronico-2

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Mercato elettronico funziona: acquistato anche uno stock di preservativi

IlPiacenza è in caricamento