Mette il cartello "chiuso" al ristorante ma dentro ci sono otto clienti, due denunce

Controlli della guardia di finanza in città. Nel locale anche una donna incinta

Continua, incessante, l’impegno delle fiamme gialle piacentine, unitamente alle altre forze di polizia, a garantire l’osservanza delle misure contenute nel DPCM dell’11 marzo 2020, finalizzate a contenere la diffusione epidemiologica in atto. Nel corso delle attività di controllo del territorio, la Guardia di Finanza ha individuato un esercizio commerciale, esercente l’attività di bar e ristorazione in centro città, con alcuni clienti all’interno nonostante l’espresso divieto di chiusura imposto dalla normativa vigente. In particolare, il titolare del ristorante, pur avendo esposto all’esterno il cartello con la dicitura “Chiuso”, al momento del controllo era intento a somministrare cibi e bevande agli avventori presenti nel locale che stavano consumando tranquillamente il loro pasto. Tra i frequentatori dell’esercizio commerciale (nel complesso sono stati identificati 8 clienti) uno ha dichiarato, agli operanti, di aver lasciato la propria abitazione semplicemente per salutare il titolare dell’esercizio commerciale, suo amico.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Una donna invece, in stato interessante, passeggiava in compagnia di altri amici, altri soggetti, nel tentativo di eludere i controlli, si dileguavano da una porta sul retro. Alla luce della palese inosservanza, i militari del Gruppo di Piacenza hanno denunciato, alla locale Autorità Giudiziaria, il titolare del bar e l’amico che si era recato lì per mere ragioni di svago, in violazione dall’art. 650 del codice penale, non avendo ottemperato ad un provvedimento dell’Autorità. La posizione dei restanti sette soggetti è stata rimessa alle valutazioni dell’autorità giudiziarie in quanto trattasi di soggetti stranieri. Per il titolare dell’esercizio commerciale, oltre alla denuncia penale, è prevista anche la sanzione della chiusura dell’attività da 5 a 30 giorni. Al di là dell’episodio che denota, da parte di qualcuno, una grave sottovalutazione delle minacce dell’epidemia, è indispensabile ribadire come resti alta l’attenzione delle Fiamme Gialle nella lotta a comportamenti irregolari della specie, perché rischiano di vanificare non solo i sacrifici di imprenditori e cittadini onesti, che in questo momento di profonda crisi scelgono di seguire le norme emanate per fini sanitari e di sicurezza pubblica, ma anche compromettere i già pesanti sforzi del sistema sanitario nazionale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Frontale a Castellarquato: muore un uomo, altre due persone sono gravissime

  • Scontro Cavanna-Burioni sull’utilizzo della idrossiclorichina per combattere il Covid

  • Travolto da un Tir mentre cammina al buio sul cavalcavia, 24enne in fin di vita

  • Frontale lungo la Provinciale, muore in auto di fianco alla moglie

  • Nuovo Dpcm: Conte ha firmato, che cosa cambia da domani

  • Ha una relazione con l'allieva, lei lo perseguita e lui la denuncia per stalking

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento