«Mezz’ora di ritardo per tornare a casa, il terminal va riportato qua»

La protesta in piazza Cittadella di Giovani Padani e Movimento studentesco. «Penalizzati studenti e commercianti dallo spostamento del terminal in via dei Pisoni»

Un flashmob per ribadire il “no” allo spostamento del terminal dei bus - avvenuto qualche settimana fa - da Piazza Cittadella. Giovani Padani e il Movimento studentesco Padano – due costole giovanili della Lega Nord provinciale – si sono dati appuntamento all’uscita da scuola nella piazza ora divenuta normale fermata degli autobus per protestare contro la decisione dell’Amministrazione comunale. «Siamo qua – ha spiegato Luca Zandonella dei Giovani Padani - per denunciare il fatto che sia gli studenti che i commercianti di piazza Cittadella non sono stati ascoltati dall’Amministrazione comunale. Lo spostamento del terminal dei bus in via dei Pisoni ha creato grossi disagi ad entrambe le categorie. Ci sono stati decine di studenti che oggi – prima di salire nella calca delle navette - ci hanno confermato che lo spostamento causa a loro almeno mezz'ora di ritardo per tornare a casa nei paesi della provincia. Questa è l’ulteriore conferma che questa scelta ha creato disagi a tutti». Zandonella si è detto anche critico nei confronti della realizzazione del parcheggio interrato in piazza Cittadella. «Non siamo fiduciosi sul parcheggio interrato perchè se ne parla da dieci anni ormai…Prima che venga realizzato ne passeranno ancora tanti altri. Fino ad adesso su Piazza Cittadella si sono spese tante parole ma di fatti ne abbiamo visti pochi».

Piazza Cittadella Lega-2

Piazza Cittadella-5Piazza Cittadella-6

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • «Noi non ce l’abbiamo fatta». Dopo 15 anni di attività la trattoria finisce in “svendita”

  • Ripescata nel Po un'auto con a bordo un cadavere, è Daniele Premi

  • Nuovo decreto e spostamenti tra Regioni e Comuni: cosa si può fare (e cosa no) dal 16 gennaio

  • Frontale tra due auto a Fiorenzuola: tre feriti, uno è gravissimo

  • L'Emilia-Romagna resta arancione, firmato il nuovo Dpcm

  • «Disobbedire e aprire i locali? Non ha senso. La vera protesta sarebbe chiuderli: stop a delivery e asporto»

Torna su
IlPiacenza è in caricamento