menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Immagine di repertorio

Immagine di repertorio

Mezzo eccezionale fermato per due volte senza scorta, denunciato il camionista

Sul ponte del Trebbia a San Nicolò

Una pattuglia della Polstrada ha controllato nella giornata del 2 dicembre ha controllato in via Einaudi, di un veicolo eccezionale del peso di oltre 100 tonnellate diretto verso Castelsangiovanni. Dal controllo delle autorizzazioni, previste per il transito su strada di tale categoria di veicoli che superano, di oltre il doppio le masse massime previste dal codice della strada emergeva che, per l’attraversamento del ponte sul Fiume Trebbia, occorreva l’obbligo di scorta tecnica per la chiusura della strada in modo da garantire il rispetto delle prescrizioni imposte (transito isolato sul ponte, velocità non superiore a 5 chilometri all'ora attraversamento al centro della carreggiata).

Gli operatori dopo aver ricordato al conducente le condizioni e prescrizioni contenute nel titolo autorizzativo rilasciato dall’ente proprietario della strada gli intimavano di attendere l’arrivo della scorta tecnica in modo di attraversare in sicurezza il ponte. Dopo aver ultimato il controllo, la pattuglia procedeva in direzione Castelsangiovanni iniziando un posto di controllo subito dopo il Ponte del Trebbia in corrispondenza dello svincolo della zona industriale di Calendasco. Dopo circa mezz’ora gli operatori, accertavano che il mezzo eccezionale, prima controllato, stava sopraggiungendo attraversando il ponte incurante di tutte le prescrizioni indicate sul titolo autorizzativo e poco prima ricordate dalla pattuglia al conducente.

Gli agenti lo hanno fermato nuovamente il mezzo eccezionale procedendo a denuncia penale dell’autista per non aver osservato l’intimazione fornita in precedenza per motivi di sicurezza pubblica, procedendo inoltre alle sanzioni previste dall’art.10 del Codice della Strada, sanzione amministrativa da 955 euro a 3.854 a carico di ognuna delle figure responsabili (conducente, proprietario del veicolo e committente del trasporto). Nel contesto hanno ritirato le carte di circolazione del veicolo eccezionale che è stato posto sotto fermo amministrativo per 1 mesi ritirando inoltre la patente di guida del conducente per il periodo di sospensione previsto da 15 a 30 giorni.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Covid-19: nel Piacentino altri 62 casi e otto decessi

  • Cultura

    Viaggio in anteprima nella sezione Archeologica restaurata del Farnese

Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cronaca

    Case di riposo, quaranta ospiti in tutto il Piacentino rifiutano il vaccino

  • Cronaca

    In futuro vaccinazioni anche a Bobbio e a Bettola

Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento