Militari del Secondo Reggimento Pontieri nelle aree terremotate del Centro Italia

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di IlPiacenza

​Già dai primi giorni di settembre, un’aliquota di Pontieri, con le attrezzature e le macchine movimento terra in dotazione al Reggimento, sta operando nei comuni terremotati dell’Italia Centrale. I militari piacentini fanno parte di una Task Force Genio, in concorso ed in sinergia con le altre amministrazioni dello Stato, impiegata per la demolizione di edifici pericolanti e la rimozione ed il trasporto delle macerie.

Le Forze Armate sono intervenute tempestivamente, fin dal 24 agosto 2016, per le esigenze emergenziali conseguenti alle ripetute scosse di terremoto e al maltempo. Le Forze Armate non hanno mai abbandonato le popolazioni colpite dal sisma intervenendo già dalla prima fase di soccorso, con attività di confezionamento e distribuzione pasti, ripristino della viabilità e delle infrastrutture essenziali, soccorso sanitario, antisciacallaggio e realizzazione e gestione di tendopoli, realizzazione delle opere di urbanizzazione per le soluzioni abitative d’emergenza.

In particolare i Pontieri tornano nuovamente nelle zone colpite dal sisma dopo avervi operato ininterrottamente dall’inizio dell’emergenza fino allo scorso aprile. L’intervento di concorso nella demolizione, rimozione e trasporto delle macerie vede impiegato un Task Group Genio attualmente operante nelle province marchigiane. I Pontieri che hanno la  responsabilità del secondo complesso minore stanno procedendo, con l’ausilio delle macchine movimento terra (pale caricatrici, escavatori ed apripista) e degli autocarri a cassone ribaltabile, alla rimozione delle macerie presso i comuni di Gualdo e Castelsantangelo sul Nera nel maceratese, e da ieri hanno iniziato anche la demolizione degli edifici pericolanti.  Grazie alla loro caratteristica “dual use”, le Forze Armate ed in particolare i reparti Genio dell’Esercito sono sempre pronti ad intervenire con le proprie risorse e i propri assetti sia in Patria che nei teatri operativi all’estero.

Torna su
IlPiacenza è in caricamento