rotate-mobile
Mercoledì, 18 Maggio 2022
Cronaca

Mille euro per ottenere la patente senza sapere l'italiano, indiano a processo

Cominciato il processo verso un immigrato che riceveva le indicazioni attraverso un bluetooth collegato a un cellulare. Il prezzo per “superare” l’esame era di mille euro. Gli organizzatori, un piacentino e un indiano, hanno già patteggiato

Mille euro per superare l’esame e ottenere la patente. Sembrava fatta. Ma l’esaminatore si è accorto subito che quell’indiano, che parlava a malapena l’italiano, non riusciva a comprendere le domande. I carabinieri, chiamati dal funzionario della Motorizzazione, hanno così scoperto che nell’orecchio aveva un bluetooth collegato a un cellulare sul quale riceveva le risposte. E’ cominciato, il 2 marzo, il processo a un indiano, Balsjit Singh, accusato di falso. L’uomo, difeso dall’avvocato Dino Beretta, non si trova più in Italia. Lui è uno dei cinquanta indagati nell’inchiesta partita dalla procura di Cremona nel 2013, che portò alla luce il sistema organizzato da un piacentino residente a Fiorenzuola e da un indiano che abitava nel Cremonese (entrambi hanno già patteggiato la pena). Il giudice Fiammetta Modica - pm Antonio Rubino - ha sentito come testimoni i carabinieri di Cremona che avevano avviato l’indagine. L’indiano è processato a Piacenza perché gli accordi fraudolenti sono stati presi sul territorio piacentino. Numerosi altri indiani, invece, hanno patteggiato la pena al Tribunale di Cremona.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mille euro per ottenere la patente senza sapere l'italiano, indiano a processo

IlPiacenza è in caricamento