Minacce alla compagna: «Ti uccido». Piacentino arrestato con una P38 clandestina

Ivaccari, intervento dei carabinieri del Nucleo radiomobile dopo la telefonata al 112 di una 35enne chiusa in casa con il figlio di un anno. Arrestato un 47enne

L'arma e le munizioni sequestrate dai carabinieri

«Ti uccido». E’ così che nella notte del 27 dicembre un piacentino di 47 anni avrebbe minacciato di morte con una pistola la compagna 35enne dopo una violenta lite nella loro abitazione a Ivaccari. La donna, rinchiusa in casa dall’uomo insieme al figlio di un anno, ha però chiamato i carabinieri che lo hanno arrestato, sequestrando anche l’arma, una P38 calibro nove clandestina. L’uomo deve anche rispondere di maltrattamenti e minacce aggravate.

Sul posto sono intervenuti i carabinieri del Nucleo radiomobile di Piacenza dopo la telefonata disperata della donna al 112. La 35enne ha spiegato che il compagno l’aveva minacciata di morte impugnando una pistola al culmine di una lite per motivi familiari. I carabinieri hanno trovato l’arma in casa dentro un armadio insieme con altre munizioni calibro 22: un dettaglio che ha fatto sospettare i militari circa la presenza di una seconda arma che non è stato però ancora trovata. Nell’auto sono stati ritrovati anche un tirapugni e un coltello.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Le spaccano la faccia contro una cancellata per rapinarla della borsa

  • Carla non ce l'ha fatta, il suo alpino Stefano la piange dopo la serenata davanti all'ospedale

  • Scaraventano un cancello contro la polizia per scappare dopo il colpo: quattro arresti

  • Cacciatore cade in un dirupo e muore

  • Cene e ritrovi clandestini in due locali, blitz della finanza: multa per tutti e attività sospesa

  • Nuova ordinanza della Regione: aperti i negozi nei festivi. Ma si rimane in fascia arancione

Torna su
IlPiacenza è in caricamento