Monticelli, presa la banda dei furti: erano super professionisti

Arrestati i due ladri che si erano specializzati nelle rapine. Avevano attrezzi adatti per ogni tipo di furto. L'arresto è stato merito dei carabinieri di Fiorenzuola. Pesanti le accuse a carico dei due: furto, ricettazione, clandestinità e guida senza patente. Resteranno in carcere

cc_3Avevano attrezzi adatti per ogni esigenza, a seconda dell'obiettivo che sarebbero andati a colpire. I due cileni clandestini arrestati dai carabinieri di Monticelli venerdì scorso erano due super professionisti del furto, secondo i militari della Compagnia di Fiorenzuola, che stamattina hanno reso noti tutti i particolari degli arresti, con le accuse di furto, ricettazione, clandestinità e guida senza patente. Non solo, ma il loro arresto fa ritenere a ragione che nell'ambito della criminalità dedita ai furti si stia facendo largo sempre di più, appunto, l'etnia cilena. In manette sono così finiti Sebastian Ignacio Bitterly Maraboly, 23 anni e il 31enne Juan Antonio Molina Jiraldo.

cileno-arrestato-01Questa mattina i carabinieri di Monticelli, insieme al capitano Andrea Leo, hanno spiegato tutta la dinamica dell'arresto, andato esattamente come già avevamo anticipato nell'articolo di venerdì scorso. Tra gli ulteriori elementi forniti dai carabinieri, il borsone pieno di attrezza da scasso che la coppia si portava appresso nel bagagliaio della Mercedes Classe A che avevano rubato il 14 settembre a Trezzano sul Naviglio. Dentro c'erano infatti spadini per aprire le serrature delle auto in sosta nei parcheggi dei centri commerciali, piedi di porco per forzare le saracinesche dei negozi, grossi cacciavite per scardinare le serrature delle villette isolate.

Insomma, tutto l'occorrente per portare a segno un bel po' di incursione. E probabilmente i due clandestini avrebbero passato "a fil di cacciavite" molte abitazioni della Bassa se, imprudentemente, non si fossero andati a schiantare contro il Tir in centro a San Pietro in Cerro, trovandosi costretti a scappare ma venendo infine acciuffati dai carabinieri. Data la sfilza di precedenti che avevano alle spalle, i due resteranno ora in carcere in regime di custodia cautelare.
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Frontale a Castellarquato: muore un uomo, altre due persone sono gravissime

  • Scontro Cavanna-Burioni sull’utilizzo della idrossiclorichina per combattere il Covid

  • Travolto da un Tir mentre cammina al buio sul cavalcavia, 24enne in fin di vita

  • Frontale lungo la Provinciale, muore in auto di fianco alla moglie

  • Nuovo Dpcm: Conte ha firmato, che cosa cambia da domani

  • Ha una relazione con l'allieva, lei lo perseguita e lui la denuncia per stalking

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento