Cronaca

Muore dissanguato dopo aver rotto con un calcio una porta di vetro

Tragedia nella serata del 16 aprile ad Ancarano di Rivergaro. Un 28enne è morto dissanguato dopo aver rotto con un calcio una porta di vetro. I sanitari del 118 hanno fatto di tutto per salvarlo ma non c'è stato nulla da fare

I soccorsi sul posto (Foto E.Gatti)

Tragedia nella serata del 16 aprile ad Ancarano di Rivergaro. Un 28enne è morto dissanguato dopo aver rotto con un calcio una porta di vetro. I sanitari del 118 hanno fatto di tutto per salvarlo ma non c'è stato nulla da fare. Quanto accaduto è ancora al vaglio dei carabinieri di Rivergaro guidati dal maresciallo Roberto Guasco, ma la causa della morte sarebbe una fatalità. La vittima, un operatore socio sanitario, forse al termine di una lite al rientro dal lavoro con la fidanzata, avrebbe spaccato la porta della camera dove era la ragazza. Ha sferrato un calcio e ha rotto il vetro purtroppo nel farlo si è reciso la vena del polpaccio. La giovane, infermiera, ha chiamato immediatamente i soccorsi e ha cercato in ogni modo di salvarlo, purtroppo è deceduto nella corsa disperata verso l'ospedale. Sul posto oltre ai sanitari del 118 (due infermieristiche da Piacenza) e i volontari della Pubblica Assistenza Sant'Agata e della Croce Rossa, si sono precipitati i carabinieri. 

ancarano covid 118 morto dissanguato-2

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Muore dissanguato dopo aver rotto con un calcio una porta di vetro

IlPiacenza è in caricamento