menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Furti e rapine, Mucinasso si organizza: presto controlli di vicinato

Richiesta anche un'intensificazione dei controlli a Valconasso in balìa dei ladri. Il prefetto: «Ho scritto al ministro dell'Interno perché sia valutata la presenza di militari a Piacenza per i servizi di perlustrazione e pattuglia»

Si è svolta nella mattinata dell'8 aprile in prefettura una riunione del comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica, presieduto dal prefetto, cui hanno preso parte il presidente della Provincia, sindaci di Piacenza, Castel San Giovanni, Caorso, Castelvetro Piacentino, Fiorenzuola d’Arda, Pontenure, Alseno, Monticelli d’Ongina, il questore, i comandanti provinciali dei Carabinieri, della Guardia di finanza e del Corpo forestale dello Stato.

E' stata analizzata la situazione della sicurezza nel comune di Pontenure, chiesta dal sindaco in seguito ai furti avvenuti nella frazione di Valconasso. E' stata disposta un'intensificazione dei controlli da parte dei carabinieri. A breve ci sarà un incontro con la cittadinanza, sempre con la presenza dell’Arma, per fornire ai cittadini indicazioni utili sui comportamenti da tenere a scopo preventivo.

Considerato che nel primo trimestre del 2015 si è registrato un aumento di furti in tutto il territorio provinciale, ad eccezione del capoluogo, è stata disposta un'intensificazione dei controlli da parte dei Carabinieri. Il prefetto al riguardo ha affermato che scriverà al comando generale per chiedere l’assegnazione di rinforzi a Piacenza per questi servizi.

Il prefetto, sempre nel contesto della prevenzione dei furti, ha comunicato che nei giorni scorsi ha scritto al Gabinetto del ministro dell’Interno affinché sia valutata la presenza di militari a Piacenza per i servizi di perlustrazione e pattuglia, in concorso la Polizia.

E’ stata poi evidenziata, su proposta del Comandante Provinciale dei Carabinieri, la necessità di installazione di telecamere con il sistema di lettura targhe per l’individuazione dei veicoli rubati, nei punti di accesso/uscita dei principali punti di comunicazione viaria della provincia. Tali punti si individuano nei comuni di Piacenza, Castel San Giovanni, Caorso, Fiorenzuola d'Arda, Castelvetro Piacentino, Alseno e Monticelli d'Ongina.

Il sindaco di Piacenza ha comunicato che gli abitanti della frazione di Mucinasso si sono organizzati per effettuare il controllo di vicinato. L'iniziativa è stata gradita dal Comitato anche per gli apprezzabili risultati ottenuti nei diversi comuni della provincia.

Si è parlato anche del protocollo quadro per la prevenzione della criminalità nelle rivendite di generi di monopoli, sottoscritto dal ministero dell'Interno e dalla Federazione Italiana Tabaccai. Il documento prevede tra l'altro l'installazione presso le predette rivendite di sistemi di videosorveglianza e di videoallarme antirapina. Il Presidente provinciale della Fit ha manifestato l'intenzione di aderire al citato protocollo nazionale per un'applicazione nel territorio piacentino.

Nel corso dell’incontro è stato sottoscritto dal prefetto e dal sindaco di Castel San Giovanni, per la prima volta, il "Protocollo di intesa per la prevenzione dei tentativi di infiltrazione della criminalità organizzata nel settore degli appalti e concessioni di lavori pubblici", della durata di cinque anni.         

Il protocollo prevede tra l’altro che il predetto Ente comunichi tempestivamente alla prefettura di Piacenza, per l’acquisizione delle informazioni antimafia, i dati relativi alle imprese e/o società anche per gli appalti di lavori pubblici di importo superiore a 250.000,00 euro, per i subcontratti di lavori, forniture e servizi di importo superiore a 50.000.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cronaca

    Case di riposo, quaranta ospiti in tutto il Piacentino rifiutano il vaccino

  • Cronaca

    In futuro vaccinazioni anche a Bobbio e a Bettola

Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento