Multe in Sant'Antonino: e non lamentiamoci se il centro è vuoto

I parcheggi gratuiti sono occupati e quando non lo sono è perché sono a pagamento. E con il periodo di crisi se si sono già spesi i soldi per uno spettacolo... non ci sono anche quelli per la multa

Sono 42 i milioni di euro che nel 2010 i fiorentini, e non solo, hanno versato al Comune di Firenze per aver violato le norme del codice della strada. Una cifra iperbolica, da far girare la testa soprattutto se si pensa che sono soldi che i cittadini avrebbero potuto risparmiare se solo avessero fatto più attenzione ai limiti di velocità, ai divieti di sosta, alle precedenze e chi più ne ha più ne metta...

Ed è proprio questo il motivo per cui scoccia sempre prendere una contravvenzione: perché rappresenta un’uscita finanziaria evitabilissima. E’ anche vero però che il corpo della Polizia municipale talvolta potrebbe mostrare un po’ più di tolleranza. Perché è doveroso rispettare le norme, guidare con prudenza per cercare di ridurre al minimo il rischio, però è anche vero che negli ultimi mesi, e qui mi riferiscono alla nostra città, le multe per divieto di sosta sono aumentate esponenzialmente. Con questo non voglio dire che è giusto posteggiare dove si vuole però sarebbe auspicabile un po’ più di indulgenza.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Mi riferisco ad esempio alle multe a tutte le autovetture posteggiate in piazza Sant’Antonino nelle sere di spettacolo al Teatro Municipale. Qualcuno potrebbe obbiettare che nelle zone limitrofe ci sono diversi parcheggi. E’ verissimo. Però è anche vero che i parcheggi gratuiti spesso sono occupati - non dimentichiamo che in centro ci sono anche tre cinema – e quando non lo sono è perché sono a pagamento. E con il periodo di crisi in cui viviamo magari se si sono già spese varie decine di euro per acquistare il biglietto di uno spetatcolo non si ha molta voglia, o meglio sarebbe dire possibilità, di spendere altri soldi per posteggiare l’auto. Un discorso questo che potrebbe essere esteso anche a chi va al cinema. E poi non ci si lamenti che i cittadini non vanno più a teatro o che preferiscono la multisala fuori città e che quindi il centro muore. E qui vabbè siamo alle solite.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (5)

  • Il centro non è vivo la sera perchè Piacenza di fatto non è una città universitaria. Gli studenti sono numericamente poco rilevanti e quelli che ci sono in maggioranza sono pendolari perchè vengono da città e provincie limitrofe.  Per muovere un'economia della notte in centro ci vogliono tanti studenti fuori sede che non hanno la macchina, sono lontano da casa e dai condizionamenti famigliari, pur ricevendone i soldi, e hanno voglia di divertirsi. Andate al mercoledì sera in centro a Pavia o a Bologna tutte le sere e capirete questa differenza. Tutte le altre ricette potrebbero muovere poco: al più si potrebbero estendere i venerdì piacentini tutto l'anno, una sera anche la gente autoctona e di provincia è disposta a farsi il giretto in centro altrimenti l'abitudine è ad andare fuori e poco... Aggiungerei come ulteriore fattore la vicinanza a una metropoli come Milano che fa si che molti se vogliono farsi una serata sanno che a Milano trovano la massima varietà di proposte specie durante la settimana.

  • Cara Federica, andare in centro è impegnativo, si sa: viverci ancora di più, e chi lo fa, ne dovrebbe essere conscio dal primo giorno in cui decide di comprare casa. Ti giro la questione: perchè se il prezzo della benzina sale, la domanda non scende? Perchè siamo a discutere della possibilità di entrare in centro con la macchina o parcheggiare sotto al negozio dove dobbiamo andare, quando ci sono servizi alternativi disponibili? Secondo me la risposta è pigrizia. Il centro è una zona protetta in ogni città; e la ragione è preservare e dare la possibilità a chi vuole passeggiare di farlo senza avere auto tra le scatole.I cinema escono dal centro in tutte le città, di tutti  i paesi. Il motivo credo sia uno solo: il cinema di fatto oggi segue la moda del consumismo. Una volta bastava andare all'unico cinema per poter essere soddisfatti, oggi al cinema che offre solo il cinema è palloso. Il teatro, mia grande passione (e so anche tua, e se scopri chi sono ne hai la conferma...), ha logiche di pubblico differenti.Il centro non si popola la sera con la macchine che vi ci possono parcheggiare: si popola con locali e ristoranti. Ma per definizione, locali e ristoranti a Piacenza sono sempre stati fuori, quindi in centro non siamo abituati ad andarci.

    • mah di tolleranza la polizia municipale secondo me ne ha parecchia abito in piazza duomo e di notte specie nei festivi e nei prefestivi diventa un parcheggio e non credo che le multino tutti i sabati sennò ilocali di Via Chiapponi e quelli di Via Daveri andrebbero in rovina Certo spesso i Piacentini (e non sololoro) non ne vogliono sapere di parcheggiare lontano e fare due passi per raggiungere il luogo di intrattenimento Concordo sulla pigrizia dilagante basta vedere quanti giovani in salute che vanno in città con la bici elettrica per non affaticarsi Il centro di Piacenza non è enorme e in 10 minuti a piedi vai ovunque se sei in salute Spesso c'è una forma di nevrosi per cui se non si riesce a parcheggiare a breve distanza dal locale di interesse subentra un forte senso di frustrazione Chi vive nelle grandi città come Roma o Milano se l'è scordato da un pezzo di parcheggiare vicino ai locali parcheggiano dove trovano e poi camminano E poi a piedi si gode molto di più della bellezza dei luoghi Se vuoi parcheggiare vicino o paghi il parcheggio o paghi le multe (i parccheggi sulle strisce blu dopo le 19 non vanno pagati fino alle 9 del mattino successivo) gambe in spalla! :)

  • vorrebbe dire che se uno spende 20 o 30 euro per uno spettacolo non ne ha 5 per il parcheggio? Secondo me quella è una situazione di comodo per non fare (nel caso di Piacenza) 200 mt a piedi. Sui cinema, come per i negozi, mi risulta che ci siano delle convenzioni con i parcheggi a pagamento. Aggiungo poi che non mi sembra che nelle altre città sia diversa la situazione. E lo dico da cittadino che per niente apprezza la politica del sindaco. Il centro muore non per i parcheggi, ma per la politica della gestione del centro, lasciato agli stranieri e alle banche: quando la gente vuole in centro ci va, ad esempio quando ci sono i venerdì aperti...

    • Avatar anonimo di Moira g
      Moira g

      Egregio Alberto,che ne pensi se le strisce blu dalle ore 20 diventino bianche! Non sono mai andato a spettacoli pomeridiani,perciò ti lascio l'onere di correggermi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento