Nasce l’associazione Amici del Grattacielo dei Mille

«Un edificio diverso, più aperto alla socializzazione. Una comunità in grado di migliorare la propria qualità della vita e quella del quartiere»

(Foto scattata dal fotografo Adriano Perotti nel 2015)

«In un mondo in continuo cambiamento dove le tecnologie informatiche stanno stravolgendo la vita quotidiana, dove si parla sempre di più di comunità virtuali in città intelligenti e di welfare di reciprocità, la neonata Associazione Amici del Grattacielo dei Mille vuole essere il primo esempio della città in cui proprietari e abitanti, insieme ai lavoratori dell’edificio più alto di Piacenza, si uniscono per creare una comunità in grado di migliorare la propria qualità della vita e quella del quartiere».

Lo afferma, in un comunicato stampa ufficiale, la neonata associazione Amici del Grattacielo dei Mille, raggiungibile anche su Facebook grazie all’apposita pagina dedicata. «Gli Amici de Grattacielo dei Mille - si legge nella nota - consapevoli delle potenzialità della dimensione dei due edifici che fanno parte del complesso denominato Residenza dei Mille, hanno dato vita nel luglio scorso ad una Associazione senza fini di lucro volta a favorire l’interazione fra le persone, circa 450, che vivono e frequentano regolarmente questa piccola città nella città. L’Associazione mira, fra l’altro, a favorire la promozione della conoscenza in tutte le sue forme e lo scambio di informazioni fra gli associati al fine di immaginare un edificio diverso, più aperto alla socializzazione, dove gli abitanti possano scambiarsi idee e progetti ma anche libri, oggetti e servizi con l’obiettivo di migliorare i rapporti di vicinato, la vivibilità, la sicurezza, e quindi la qualità complessiva del vivere in una comunità».

«Gli incontri fin qui svolti hanno permesso di evidenziare alcune esigenze condivise da tutti i soci, e di delineare quindi alcune iniziative volte ad ottenere un miglioramento della vita all'interno delle strutture che ci accomunano tutti i giorni. Questo modo di agire non è nuovo, ma è una tendenza che si sta diffondendo in tutto il mondo, anche favorita dalle nuove tecnologie. Stiamo quindi studiando e guardando cosa si fa altrove, tessendo rapporti con altri enti aventi finalità analoghe alle nostre. Tra poco contiamo di avere una piattaforma web comune in cui tutti i soci potranno interagire e coordinarsi per condividere, ad esempio, passioni comuni, hobby, informazioni e quant’altro. Si tratta di un progetto win-win dove tutti devono contribuire ad arricchire questa nuova comunità favorendo la così detta “sharing economy” (o economia della condivisione) e mettendo a disposizione il proprio tempo e le proprie competenze». 

«Stiamo inoltre pensando a progetti che possano rendere gli ambienti in cui viviamo e lavoriamo più sicuri, belli, resilienti e rispettosi dell’ambiente, riducendo gli sprechi e i consumi. Stiamo organizzando visite ad altre strutture simili, sia in Italia che all'estero, e programmando incontri tra i soci per capire quali siano le risorse attualmente presenti all'interno della nostra comunità e quali competenze vadano invece incrementate attraverso, ad esempio, la realizzazione di incontri e conferenze con esperti di vari settori (alimentare, culturale, medico, energetico, etc.)».
Tutti i proprietari, gli affittuari e coloro che vivono o lavorano abitualmente presso il Grattacielo o il Corpo basso della Residenza dei Mille possono diventare soci. 
Per contatti scrivere a: amicidelgrattacielodeimille@gmail.com.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ripescata nel Po un'auto con a bordo un cadavere, è Daniele Premi

  • Nuovo decreto e spostamenti tra Regioni e Comuni: cosa si può fare (e cosa no) dal 16 gennaio

  • Frontale tra due auto a Fiorenzuola: tre feriti, uno è gravissimo

  • Brugnello, Rivalta, Vigoleno: Valtrebbia e Valdarda grandi protagoniste a "Linea Verde"

  • Solo in Italia e ricoverato in ospedale a Piacenza, i poliziotti delle volanti si prendono cura del suo cane

  • L'Emilia-Romagna resta arancione, firmato il nuovo Dpcm

Torna su
IlPiacenza è in caricamento