Cronaca Stazione / Piazzale Guglielmo Marconi

Nel vagone sola, studentessa scampa allo stupro salvata da due passeggeri

Incubo sul regionale Milano-Piacenza per una studentessa universitaria piacentina di 26 anni. Arrestato dai carabinieri il marocchino che avrebbe cercato di violentarla

E’ una vicenda tremenda quella accaduta nella serata di giovedì 16 aprile sulla tratta ferroviaria tra Milano e Piacenza, e che ha visto come vittima una studentessa universitaria 26enne di Piacenza: è scampata per miracolo a un tentativo di stupro sul treno grazie a due passeggeri che sono intervenuti per salvarla. Il presunto aggressore è invece sceso alla stazione di Santo Stefano Lodigiano ma è stato subito bloccato dai carabinieri della Compagnia di Codogno. I dettagli della vicenda non sono ancora chiari del tutto e ci stanno lavorando in sinergia i militari lodigiani insieme ai colleghi della stazione Levante di Piacenza. La giovane infatti è stata portata in ospedale per essere visitata, mentre l’uomo fermato è stato interrogato per tutta la notte ma alla fine è stato arrestato. Si tratta di un marocchino di 24 anni residente nella Bassa Lodigiana.

Secondo i primi accertamenti, stando a quanto la ragazza - che abita a Piacenza - ha riferito in ospedale, tutto è avvenuto durante il viaggio. Era salita sul treno a Milano poco prima delle 21, ma ad un certo punto sarebbe stata avvicinata da un individuo, probabilmente straniero, che approfittando dello scompartimento vuoto, ha iniziato a molestarla, arrivando al tentativo di violenza vero e proprio: dopo essersi calato i calzoni e aver provato a masturbarsi davanti a lei, l'ha bloccata con violenza palpeggiandola e tentando di spogliarla.

Le grida di aiuto della 26enne hanno però attirato l’attenzione di due uomini  - un ragazzo tunisino ed un uomo italiano entrambi senza fissa dimora che viaggiano sui treni e dormono spesso presso la Stazione FS di Piacenza - che erano nello scompartimento accanto e che sono intervenuti bloccando l’aggressore. Il quale è sceso alla prima fermata dileguandosi. Quando la giovane è arrivata a Piacenza ha avvertito i carabinieri, e le ricerche dello sconosciuto sono state diramate ai colleghi di Lodi, permettendo a una pattuglia di bloccare vicino alla stazione di Santo Stefano un individuo che corrispondeva alla descrizione. La giovane invece, sotto choc, è stata portata in ospedale a Piacenza per essere visitata: per le lesioni riportate alle braccia (per la violenza con cui il marocchino ha tentato di bloccarle le braccia) e lo stato ansioso, è stata giudicata guaribile in qualche giorno.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nel vagone sola, studentessa scampa allo stupro salvata da due passeggeri

IlPiacenza è in caricamento