menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Oliviero Pietrarelli

Oliviero Pietrarelli

Nessun nuovo agente a Piacenza? Il Siulp risponde al Siap: «Non è ancora finito il corso»

"Nessun nuovo agente assegnato a Piacenza tra quelli usciti dalla Scuola di Polizia". Il Siulp risponde al Siap: «Alla Scuola non è terminato nessun corso in questi giorni e, pertanto, non possono esservi nuove assegnazioni»

«Informare è un verbo di elevata importanza, sia per chi vuole approfondire un bagaglio culturale, sia per coloro che  dell'informazione fanno un'opportunità. Come Segretario di un sindacato di polizia, sento il dovere civico della verità nel dare le notizie, nonché a contraddire - grazie alle gentili testate  - fatti e notizie di interesse pubblico che riguardano la sicurezza e  propinati ai carissimi lettori con ricostruzioni fantasiose e, ahimè,  prive di verità. Fatti, totalmente inventati dalla fantasia di un prossimo o futur regista o attore che, a mio modesto avviso, per connotazione quanto per inventiva, non potrà sfuggire all'attenzione di qualche principe del teatro partenopeo. Costui riferisce  notizie dall' apparenza reale e cristallina, addirittura intrise di  quel tenore melodrammatico come chi ha l'arte nel dna». Scrive in nota Oliviero Pietrarelli, segretario provinciale del Siulp. 

«In un articolo del blog chiamato "Esse come sicurezza" del sindacato Siap presente sulla testata on line Ilpiacenza.it, nel contenuto del 3 luglio si legge  una forte critica in generale e, non di meno, verso il sistema dell'amministrazione centrale di polizia. Cito testualmente "A Piacenza nessun nuovo agente assegnato tra quelli usciti dalla Scuola di Polizia, nonostante politici di rilievo presenti in questa città (nessuno si offenda) - le assegnazioni nella città di Piacenza riferite alle nuove assunzioni degli agenti di nuova nomina che escono dalla sua prestigiosa Scuola di Polizia sono pari a zero"».

«A tal proposito, è appena il caso di dare (ancora una volta) una smentitina oggettiva e puntuale all'articolo del Siap,  affermando che alla Scuola di polizia di Piacenza non è terminato nessun corso in questi giorni e, pertanto, non possono esservi nuove assegnazioni. Del più, nella Scuola di Piacenza è tutt'ora in essere il 193° corso allievi agenti, - che terminerà il prossimo 1 novembre 2015. Né potrebbe essere scusabile l'inesattezza delle notizie diffuse dal Siap sulla scorta di una possibile confusione con il 192° corso allievi agenti, poichè in questo caso val la pena precisare che quest'ultimo si è tenuto in altre città d'Italia. Al contrario, il Siulp è invece fiducioso nella più realistica convinzione che che alcuni nuovi agenti, ovvero altri agenti già in servizio e provenienti da altre sedi, potranno tra non molto tempo essere assegnati a Piacenza. Mi spiace per questa disinformazione del Siap».

«Invece, per altri fatti dove i colleghi soffrono per carenze dell'Amministrazione della polizia, nutro un sentimento a loro molto vicino,  ma affermo anche che sarebbe utile, soprattutto a taluni sindacati, prima di fare pubbliche denunce, informarsi meglio per evitare altrettanto pubbliche smentite in quanto, un guasto dell'aria condizionata, pur essendo oltremodo fastidioso, può accadere in qualunque realtà. Confermo, peraltro, che si stanno adottando le contromisure finalizzate alla risoluzione del problema. Quindi sarebbe veramente inutile quanto pericolosa per la salute, l'annunciata protesta civile "atto di dissenso democratico" che vedrebbe un eroico sindacalista per ben due ore, dalle ore 10 alle ore 12, esposto sotto il sole, senza idratazione (alla faccia dei muratori!)».

«Di fatto, non è la prima volta che il noto sindacalista da trincea si trova ad annunciare proteste clamorose quanto gravose per la salute ma con il congruo anticipo che serve poi a renderle inutili e quindi revocabili o inattuate; da ultimo, posso ricordare un comunicato dove addirittura, udite udite, avrebbe dovuto "imbavagliarsi legandosi le mani".  Noi dei Siulp, che consideriamo da sempre la protezione civile un totem, garantiremo la reperibilità pronti ad intervenire con tanto di bibita, cannuccia ed ombrellone per evitare pericolosi collassi e mantenerne la perfetta forma che gli servirà, specialmente nel prossimo mese di ottobre, per non vedere intaccato l'ormai famoso 49% di proseliti».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento