menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

«Nessuna citazione in giudizio per il cordolo del Corso. La segnaletica è regolare, nessun pericolo»

L'ufficio legale del Comune di Piacenza interviene con una nota ufficiale: «La segnaletica è stata apposta a norma del Codice della Strada e che, se correttamente rispettata dalla cittadinanza, il cordolo, che delimita la pista ciclabile di corso Vittorio Emanuele, non costituisce nessun pericolo per i ciclisti»

Si torna a parlare del cordolo di delimitazione della nuova pista ciclabile che il Comune ha realizzato di recente nel tratto di corso Vittorio Emanuele lato piazzale Genova, e che ha suscitato alcune polemiche e piccoli incidenti.

«Il Comune di Piacenza - si legge in una nota dell’ufficio legale - ribadisce che la segnaletica è stata apposta a norma del Codice della Strada e che, se correttamente rispettata dalla cittadinanza, il cordolo, che delimita la pista ciclabile di corso Vittorio Emanuele, non costituisce nessun pericolo per i ciclisti».

Prosegue la nota: «Si precisa che riferite al tratto finale di Corso Vittorio Emanuele ad oggi sono pervenute due richieste di risarcimento da parte di due studi legali piacentini. Non è pervenuto nessun atto di citazione in giudizio, né richieste di mediazione, negoziazione assistita, o altri strumenti deflattivi del contenzioso previsti dalla legge. Gli unici due sinistri su cui il Comune di Piacenza ha aperto un'istruttoria, come per prassi, non riguardano nessun sessantenne piacentino».

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Piacenza usa la nostra Partner App gratuita !

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cronaca

    Case di riposo, quaranta ospiti in tutto il Piacentino rifiutano il vaccino

  • Cronaca

    In futuro vaccinazioni anche a Bobbio e a Bettola

Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento