← Tutte le segnalazioni

«Nessuna pulizia a Piacenza Expo, poco sicuro il percorso verso il padiglione»

Redazione

Perfino l'attesa per fare il tampone a Piacenza Expo è ghiacchiata. Il percorso che conduce al padiglione dove l'Ausl effettua l'attività è poco sicuro e precario, considerata l'enorme presenza di ghiaccio. Si poteva preparare meglio, in queste ore, il passaggio, considerato che è frequentato da alcune centinaia di persone ogni giorno. 

Michela

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (4)

  • convocare i percettori del reddito di cittadinanza ?

  • In un altro articolo sull'argomento abbiamo assistito al classico teatrino dello "scarica barile"; onestamente ai cittadini chiamati ad eseguire il tampone presso questa struttura, poco importa chi avrebbe dovuto fare e non ha fatto. Perchè questo è il problema ricorrente in questo paese, dove tutti aspettano che sia qualcun'altro a fare qualcosa. Ma io dico, dopo la nevicata dei giorni scorsi (e il fiume di polemiche che ne è seguito) e le temperature sottozero dei giorni successivi, a NESSUNO è venuto il dubbio che - quantomeno - il percorso pedonale di accesso andava cosparso di sale?? Tra l'altro dalle foto si evince che la neve nemmeno è stata rimossa dal perimetro esterno (ma semplicemente calpestata). Ora, non penso che spetti al cittadino che si reca presso questa struttura dotarsi di pala spalaneve (o meglio piccone) o di scarponcini chiodati da scalatore... E non penso servisse aspettare questa mattina per accorgersi della criticità del ghiaccio. Qualcuno poi ha sparso quella che sembra segatura (o, nel migliore delle ipotesi, del sale marino grezzo) sulla neve ghiacciata, nella speranza si compisse un miracolo. Peccato che la neve ghiacciata davanti a Piacenza Expo non sia il sangue di S.Gennaro nella famosa ampolla e, per sciogliersi, non bastino le preghiere (o imprecazioni), ma occorra calore sufficiente a raggiungere la temperatura di fusione del ghiaccio. E dato che in questi giorni - soprattutto nelle ore notturne e del mattino presto - le temperature sono piuttosto rigide, è evidente che occorreva intervenire "manualmente", vuoi tramite bruciatore/cannello a gas, oppure chimicamente con sale al cloruro di magnesio o cloruro di calcio (dato che il classico sale marino, ovvero cloruro di sodio, sin dalle medie ci insegnano serva a poco quando la temperatura è di diversi gradi al disotto dello zero) anche in soluzione. E, per cortesia, non mi si venga a dire che, partendo da Piacenza Expo passando per AUSL, Comune di Piacenza, Protezione Civile, nessuno aveva a disposizione (o poteva reperire) questi "strumenti". Invece di picconare a mano oggi, bastava rimuovere la neve prima che ghiacciasse (anche con strumenti meccanici) oppure spargere sale anzitempo o - dopo che si era compattata e ghiacciata - irrorare una soluzione di cloruro di sodio o magnesio; tempo 15/20 minuti e il ghiaccio e parte della neve si sarebbe sciolta, permettendone la rimozione con una semplice pala (o casomai - vista l'area - con l'ausilio di una piccola pala a motore). Ma figuriamoci: siamo sotto le feste e tutti pensano a regali, lucine e panettoni. Fino al 4 (o peggio all'11), l'Italia si ferma.

  • Ma è possibile una cosa simile? Di chi era la competenza della pulizia su quel pezzo di tragitto?

  • Scandalosi e senza lavoro dovreste essere

Segnalazioni popolari

Torna su
IlPiacenza è in caricamento