"No bull, be friend": ecco il progetto contro il bullismo, coinvolte quattro scuole superiori

Presentato in Provincia il progetto rivolto alla prevenzione del fenomeno del bullismo rivolto alle giovani generazioni attraverso interventi formativi e artistici con lo strumento del teatro-laboratorio

Un momento della presentazione

Un progetto rivolto alla prevenzione del fenomeno del bullismo rivolto alle giovani generazioni attraverso interventi formativi e artistici con lo strumento del teatro-laboratorio. Educare alla lettura dei comportamenti può aiutare a “scoprire” il proprio ruolo in un eventuale dinamica di “ciclo dell’abuso” che spesso si attua negli eventi di bullismo. La maggior parte delle volte, sono evidenti solo i ruoli della vittima e dell’istigatore, ma meno quella dell’attendente, colui che assiste più o meno consapevolmente ai fatti. Il teatro, come funzione antropologicamente attivante di energie non convenzionali, introduce l’individuo ed il gruppo in stati e fasi liminali, in cui le relazioni personali ed interpersonali assumono ed acquistano valori cognitivi profondi, grazie alla forza coinvolgente dell’azione collettiva ed alla libera espressione del corpo e della voce.

L’indagine si estende ai social netwrok, alla pubblicità, ai nuovi eroi digitali, ai modelli di comportamento che propongono la velocità e la forza come caratteristiche del “vincente”: il sondaggio e la destrutturazione di tali forme di comunicazione ci dà la possibilità di individuare devianze di comportamento e percezioni distorte di se stessi e della propria immagine nel mondo.Il progetto, portato avanti in un lavoro di team, da Provincia di Piacenza, Comune di Piacenza, Manicomics Teatro e AUSL di Piacenza, coinvolge le Scuole secondarie di secondo grado di Piacenza Respighi, Cassinari, Marconi e Casali.

iL PROGRAMMA - Il programma, in sintesi, prevede lo sviluppo di tre fasi condotte da Manicomics Teatro. La prima fase, di incontri formativi dal titolo "Bullo sarai tu!", si svilupperà sotto forma di conferenze-spettacolo, sessioni di lavoro teatrale e di rappresentazione con gli attori di Manicomics dedicate a tre classi per ogni Istituto coinvolto. La seconda fase di Scrittura creativa autobiografica, condotta da Manicomics, coinvolgerà due gruppi interclasse per ogni Istituto. Attraverso l’analisi dei media particolarmente vicini ai giovani (pubblicità, cinema, videoclip e social network) e dei comportamenti a rischio (guida in stati alterati, uso di sostanze e alcool) si elaboreranno i contenuti per la scrittura drammaturgica collettiva che sarà portata in scena nella terza fase. La terza fase di laboratorio teatrale porterà alla produzione di uno spettacolo finale realizzato da un gruppo interclasse delle scuole coinvolte. Lo spettacolo finale sarà presentato al termine del progetto ed aperto al pubblico. Il progetto è stato scelto tra numerosi partecipanti a livello nazionale nell’ambito dell’iniziativa “No Bulls Be Friends”, bando lanciato dall’U.P.I (Unione Province Italiane) in collaborazione con il Dipartimento della Gioventù della Presidenza del Consiglio e parteciperà al premio conclusivo per i migliori prodotti realizzati.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

All'incontro erano presenti Gloria Zanardi, Consigliera provinciale delegata alle Politiche Giovanili, Giulia Piroli, Assessora alle Politiche Giovanili del Comune di Piacenza, il Viceprefetto Dott.ssa Marilena Razza, Rolando Tarquini e Allegra Spernanzoni dei Manicomics, i dirigenti scolastici Cristina Capra (Casali), Giovanni Tiberi (Tramello Cassinari), Valeria Iengo in rappresentanza del Liceo Respighi, Egidio Rossi per l'Isii Marconi e Giuseppe Magistrali per il Comune di Piacenza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Annega nel Po per salvare il suo cane finito in acqua

  • Identificato l'operaio ucciso dal crollo di un silos. Forse il cedimento di un sostegno la causa della tragedia

  • Crolla un silos, 50enne muore schiacciato

  • Altoè, 55enne muore alla guida dell'auto

  • Famiglia piacentina coinvolta in un incidente a Bolzano, grave un bambino

  • Caso Levante, spuntano nuovi indagati

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento