rotate-mobile
Lunedì, 17 Gennaio 2022
Cronaca

Non era una vendita, nessuna truffa. Assolti due italiani e un albanese

I tre, accusati da due ecuadoriani, volevano solo affittare un locale e un'associazione culturale. La coppia di centroamericani ha così versato 30mila euro credendo di acquistare casa e club

Non hanno truffato i due acquirenti di un immobile e di un’associazione che vi era all’interno perché non si trattava di una cessione, ma solo di un subentro per poterlo avere in affitto. Sono stati assolti dal Tribunale i tre imputati di truffa processati oggi, 10 ottobre, due italiani e un albanese. Il giudice Elena Stoppini ha accolto le richieste dei difensori dei tre e non quella di condanna del pubblico ministero Giulio Massara.

La vicenda si svolse nel 2008. Due ecuadoriani, un uomo e una donna, volevano acquistare un immobile con annessa l’associazione culturale Zeus, in via Respighi.  I tre presunti venditori si accordano con i due centroamericani e, su richiesta dagli ultimi due, firmano una proposta irrevocabile di acquisto per 30mila euro. Uno degli italiani, poi, si fa dare 10mila euro per l’atto di vendita e un altro 2.400 per l’affitto. Queste erano le accuse poi portate avanti dopo la denuncia degli ecuadoriani. L’inchiesta condotta dal pubblico ministero Emilio Pisante, però, era giunta ad altre conclusioni e lo stesso magistrato aveva chiesto l’archiviazione, poi rigettata: era solo un passaggio di gestione, i tre dovevano subentrare per aver e il locale in affitto, niente vendita. L’avvocato Piero Spalla - gli altri due imputati erano difesi da Paolo Vago e Filippo Frattoni - ha ripreso le considerazioni del pubblico ministero sostenendo che non si trattava di una cessione del locale.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Non era una vendita, nessuna truffa. Assolti due italiani e un albanese

IlPiacenza è in caricamento