rotate-mobile
Mercoledì, 18 Maggio 2022
Cronaca

«Non siamo eroi ma professionisti del soccorso: meritiamo di lavorare in sicurezza»

Almeno sessanta vigili del fuoco si sono riuniti sotto l'egida di Conapo e Fp Cgil davanti alla caserma di strada Valnure per lo sciopero indetto nei giorni scorsi. Sotto una pioggia battente hanno ribadito le loro richieste: «Serve personale e servono mezzi più nuovi. Non possiamo essere dimenticati»

«Non siamo eroi, siamo professionisti del soccorso: ci devono mettere nelle condizioni di lavorare per la sicurezza di tutti i cittadini che serviamo con entusiamo e senza mai tirarci indietro». Sono più di sessanta i vigili del fuoco che nella mattinata dell'11 aprile, sotto una pioggia battente, hanno manifestato e scioperato come annunciato nei giorni scorsi davanti alla caserma. Sotto l'egida del Conapo e Fp Cgil. Non succedeva da trent'anni.  Molti i cittadini che si sono fermati per un saluto e per un "grazie", con loro anche la Protezione Civile. «Non possiamo e non dobbiamo essere riempiti di medaglie quando fa comodo e quando accadono tragedie, per troppo volte i politici hanno usato le nostre divise per farsi pubblicità, ora occorre agire in modo concreto. Mancano uomini, mancano mezzi all'altezza del lavoro che svolgiamo e in ballo c'è la vita di tutti: la nostra, e quella dei cittadini», hanno detto Massimiliano Clini e Giovanni Molinaroli. Sei ore di sciopero (ovviamente i soccorsi sono garantiti) e un incontro al palazzo del Governo per portare all'attenzione del prefetto Maurizio Falco la situazione «non più sostenibile». Falco aveva già scritto al ministero degli Interni per chiedere più vigili del fuoco a Piacenza. Nel mirino dei sindacati l'amministrazione comunale: «Sordi ai nostri appelli» e il dirigente Francesco Martinoche non ha voluto rilasciare però dichiarazioni: «Dire qualcosa ora sarebbe una mancanza di rispetto per chi sta scioperando». Presente anche l'assessore ai Lavori Pubblici, Marco Tassi e Stefano Cugini, capogruppo Pd in consiglio comunale. Nelle scorse ore sui social network il tam tam era stato notevole. 

Lo sciopero dei vigili del fuoco ©Gatti/IlPiacenza

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

«Non siamo eroi ma professionisti del soccorso: meritiamo di lavorare in sicurezza»

IlPiacenza è in caricamento