Numerosi i vini Doc dei Colli Piacentini nell’edizione 2015-2016 della guida “Emilia Romagna da bere e mangiare”

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di IlPiacenza

Il mercato del vino non permette rilassamenti, né stasi. Ben lo sanno le aziende piacentine che, avendo scommesso sulla qualità, sempre più numerose partecipano a concorsi e selezioni al fine di confrontarsi con le altre produzioni nazionali e non. Il tutto alla ricerca di visibilità agli occhi di consumatori sempre più informati ed esigenti.

Ultima occasione in ordine di tempo la Guida ‘Emilia Romagna da Bere e da Mangiare 2015-2016” redatta dai sommelier di Ais Emilia e Romagna e presentata in anteprima nazionale al Grand Hotel Da Vinci di Cesenatico.

Ben 119 le migliori cantine premiate (67 emiliane, 52 romagnole) dalla guida, fra cui le sotto riportate piacentine, con i loro vini:

 Colombaia Gutturnio Doc Superiore 2011 >Baraccone

 Vena Rossa Gutturnio Doc Superiore 2014 >Castello di Luzzano

 Rigel Colli Piacentini Doc Barbera 2013 >Fratelli Piacentini

 Macchiona Emilia Igt Rosso 2009 >La Stoppa

 Fra Diavolo Vino Passito Rosso 2005 >La Tollara

 Sorriso di Cielo Colli Piacentini Doc Malvasia 2013 >La Tosa

 Vignamorello Gutturnio Doc Superiore 2013 >La Tosa

 Gutturnio Doc Classico Superiore 2014 >Manara-Tenuta Ferraia

 Bastiani Colli Piacentini Doc Cabernet Sauvignon 2010 >Marengoni

 Gutturnio Doc Classico Superiore 2012 >Montesissa Francesco

 Malvagia Emilia Igt Bianco Malvasia Passito >Perini&Perini

 Gutturnio Doc Superiore 2012 >Podere Gaiaschi

 Sorsi d’Incanto Colli Piacentini Doc Malvasia 2014 >Società Agricola Terzoni Claudio Srl

 Donna Luigia Colli Piacentini Doc Malvasia 2013 >Torre Fornello

 Vigna del Duomo Colli Piacentini Doc Vin Santo 2003 >Zerioli – Tenuta Pozzolo

Torna su
IlPiacenza è in caricamento