menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
I soccorritori sul posto

I soccorritori sul posto

Morto per tre coltellate alla pancia, si indaga per omicidio volontario

Castelsangiovanni, al momento non vi sono ancora indagati: il pm ha disposto l'autopsia sulla salma del 38enne indiano

Si indaga per omicidio volontario relativamente alla morte del 38enne Singh Arvinder, l'indiano morto l'altra sera alla periferia di Castelsangiovanni, in strada Colombarone, a causa di tre coltellate all'addome. Il pm Daniela Di Girolamo, che segue le indagini dei carabinieri, ha anche disposto l'autopsia che verrà eseguita nei prossimi giorni da personale dell'istituto di Medicina legale di Pavia insieme ad altri accertamenti tossicologici. Scartata dunque la remota ipotesi di un suicidio, ora gli inquirenti stanno ascoltando numerose persone legate al nucleo familiare dello straniero che abitava (con la famiglia e due figli piccoli) e lavorava in una azienda agricola poco distante dal punto in cui l'altra sera è stato trovato in mezzo alla strada agonizzante, per poi morire poco dopo tra le braccia dei soccorritori del 118 che hanno tentato di salvarlo. Una delle ipotesi più accreditate rimarrebbe quella di una violenta lite famigliare poi degenerata.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

«Allargare la cava significa più inquinamento per la zona»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento