Omicidio Bari, Iania arrestato: aveva già accoltellato l'ex moglie

Dopo notti passate in casolari abbandonati, Domenico Iania, presunto killer di Chiara Bradonisio, è stato arrestato. Aveva già accoltellato la ex moglie

domenico_iania_2E' stato catturato e arrestato, e ora dovrà rispondere dell'accusa di omicidio volontario, Domenico Iania (nella foto), 51 anni, presunto killer di Chiara Brandonisio, 34enne barese aggredita giovedì 8 luglio proco prima di recarsi al lavoro a Ceglie del Campo, nel Barese. L'uomo è stato fermato nella notte di lunedì 12 luglio a Morfasso, dove era residente. Ha passato diversi giorni da latitante, ricercato, dormendo in luoghi di fortuna (cascinali abbandonati) e si è spostato con l'aiuto dell'autostop. Alla fine degli anni Novanta aveva già subito un processo per tentato omicidio dopo aver accoltellato la ex moglie.

UNA LUNGA FUGA PER L'ITALIA - La squadra mobile della questura di Piacenza, con i colleghi della mobile sezione omicidi di Bari, ha ricostruito nel corso di una conferenza stampa quello che potrebbe essere stato il percorso del killer dopo l'omicidio, avvenuto alle 6 di mattina di giovedì 8 luglio. Iania, dopo aver abbandonato la propria vettura (una Fiat Panda), avrebbe riguadagnato la via del Nord con mezzi di fortuna, con autobus e facendo l'autostop. Ma fino a sabato 10 luglio, ricostruisce la polizia, egli non sapeva di essere il maggior indiziato del delitto, anche perchè, queste sono state le sue parole una volta catturato, "non aveva intenzione di uccidere Chiara".

NOTTE IN UN PAGLIAIO; L'INTENZIONE DI COSTITUIRSI - Tra domenica e lunedì ha fatto ritorno in Val d'Arda. Ha dormito in casolari abbandonati, riparandosi dalla pioggia in un paglialio. Poi, secondo la ricostruzione della polizia, ha raggiunto Lugagnano, dove è stato visto da alcune persone. Sono state le segnalazioni decisive, lunedì 12 luglio. Ormai, però, già sapeva di avere le ore contate, avendo visto il suo nome sui giornali. Raggiunto Morfasso da Lugagnano ancora a piedi e in autostop, ha contattato un vicino, con l'intenzione di costituirsi. Qui, il conoscente, ha chiamato la polizia, ed è stato così catturato e arrestato nella notte del 12 luglio.

FORSE LA GELOSIA IL MOVENTE - Dalle prime sue dichiarazioni agli investigatori, sembra che il movente del delitto sia stata la gelosia. Iania, in contatto con Chiara Brandonisio solo attraverso la chat (e quindi Facebook) da qualche mese, non aveva sopportato la fine della loro relazione "virtuale". E così "aveva deciso di incontrarla". I due non si erano mai visti. Non è chiaro se fosse partito da Morfasso con l'intenzione di uccidere la ragazza, quindi con la premeditazione: di ciò si discuterà in sede processuale.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

mobile

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scontro tra due camion in autostrada, muore 56enne piacentino

  • Si schianta in moto contro un'auto che fa inversione, giovane all'ospedale

  • Norme anti covid, multati due locali aperti dopo mezzanotte. Nei guai anche un cliente senza mascherina

  • Sbanda con l'auto e si ribalta, è grave

  • Ladri sfondano l'ingresso e portano via le bici da corsa, fallisce il colpo da Raschiani

  • Incidente a San Rocco, chiuso temporaneamente il ponte di Po

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento