menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Le forze dell'ordine sul posto, al centro il sostituto procuratore Emilio Pisante

Le forze dell'ordine sul posto, al centro il sostituto procuratore Emilio Pisante

Donna sgozzata in casa, si cercano marito e figli

Una donna marocchina è stata trovata morta nella sua abitazione di via Pianello a Borgonovo nella mattinata dell'8 maggio in circostanze poco chiare: presenterebbe alcune ferite alla gola. Per entrare in casa ci sono voluti i vigili del fuoco. Il marito e figli della vittima al momento non si trovano

Una donna marocchina di 45 anni è stata trovata morta nella sua abitazione di via Pianello a Borgonovo nella mattinata dell'8 maggio in circostanze poco chiare: presenterebbe alcune ferite alla gola e potrebbe essere stata sgozzata, l'arma non è chiaro se sia stata torvata o no. Per entrare in casa ci sono voluti i vigili del fuoco e la porta sarebbe stata chiusa. Inutili i soccorsi del 118. Il marito, il 41enne suo connazionale Abdelkrim Foukahi e figli della vittima, di 2 e 4 anni, al momento non si trovano. Sul posto i carabinieri del paese con il comandate Cosimo Scialpi, insieme al Radiomobile e a quelli dell'Aliquota Operativa e del Nucleo Investigativo con il comandante provinciale Michele Piras, il maggiore Stefano Bezzeccheri e il colonnello Marco Iannucci. Le indagini sono coordinate dal sostituto procuratore Emilio Pisante.  Tutta l'area è stata isolata e transennata: sono in corso tutti gli accertamenti e i rilievi scientifici. Ogni ipotesi è al vaglio. Sul posto molti amici della coppia e anche la mamma della donna, Fatima: «Era così bella e affettuosa». I militari stanno anche ascoltando i vicini di casa e gli amici che si sono radunti sul posto.  Damia El Assali, questo il nome della vittima, lavorava alla vetreria di Borgonovo con la cooperativa San Martino, e oltre ai due figli piccoli ne aveva una terza di 22 che sta studiando all'università in Marocco. 

Tanti gli amici e i parenti (una sorella si sarebbe sentita male e sarebbe stata portata in ospedale sotto choc), si sono radunati nei pressi della casa di via Pianello. Si sono stretti nel dolore e hanno pregato. Una collega di Damia l'ha descritta come una donna allegra e sempre con il sorriso, solo sabato però l'aveva trovata un po' triste e preoccupata. Da allora nessuno pare l'abbia più vista, tanto che il datore di lavoro aveva chiesto notizie, quindi il fatto potrebbe essere accaduto nel finesettimana. Molti, tra il quali il cugino di lei, Moustapha Adanani, hanno riferito di liti famigliari ma nulla, pare di violento o che potesse far pensare ad un epilogo così cruento. Damia musulmana praticante era molto fedele e una gran lavoratrice. Sposata e separata in Marocco, era venuta in Italia anni fa dove poi aveva sposato Abdelkrim Foukahi dal quale ha poi avuto i due bimbi che ora non si trovano. Abdelkrim Foukahi, disoccupato aveva, pare, rifiutato un paio di lavori, negli ultimi tempi. I carabinieri lo stanno cercando senza sosta, anche perché si teme anche per i due figli piccoli.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

A Roncaglia sono partiti i lavori del maxi capannone

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cronaca

    Piacenza scongiura la zona rossa: si resta in "arancione"

  • Cronaca

    Il nuovo Dpcm "anti varianti": che cosa cambia fino a Pasqua

  • Economia

    Cattolica, si lavora ad un robot per la potatura dei vigneti

  • Cronaca

    Controllo del territorio e Covid, più pattuglie in strada

Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento