Chiuso in un sacco con mani e piedi legati e gettato dal ponte

La macabra scoperta intorno alle 17.30 del 31 agosto. Sul posto i carabinieri di Rivergaro e il nucleo investigativo di Piacenza. Si tratta del cadavere di un uomo non ancora identificato trovato avvolto in un sacco di plastica con mani e piedi legati

I carabinieri sul luogo del ritrovamento (Foto Gatti)

Mani e piedi legati, avvolto in un sacco e gettato dal ponte. Macabro ritrovamento sotto il ponte di Rivalta di Tuna nel pomeriggio del 31 agosto. A scoprire un cadavere avvolto in almento tre sacchi di plastica per l'immondizia un cittadino che stava passeggiando con il cane nel letto del fiume Trebbia. Si tratta di un uomo non ancora identificato che potrebbe essere stato ucciso almeno quattro giorni fa e poi gettato dal ponte da un'auto di passaggio. Sul posto sono arrivati in pochi minuti i carabinieri del Nucleo Investigativo di Piacenza insieme ai colleghi della Compagnia di Bobbio e della stazione di Rivergaro, che hanno avviato le indagini, coordinate dal sostituto procuratore della Repubblica Emilio Pisante, e effettuato i primi accertamenti sul corpo. Sarà l'autopsia a chiarire le cause del decesso, ma sicuramente quando è stato buttato dal ponte era già morto ma non è stato portato via dalla corrente: in quel punto il fiume è secco e il corpo già in avanzato stato di decomposizione. La salma è stata recuperata nella tarda serata dai vigili del fuoco, e ora è a disposizione dell'autorità giudiziaria. L'assassino o gli assassini potrebbero averlo ucciso ovunque per poi sbarazzarsi del corpo in un secondo momento. I carabinieri indagano senza sosta e stanno ascoltando anche i residenti della zona per cercare di capire da quando il corpo era nel letto del fiume. Il cadavere, da quanto ricostruito, è intatto e non presenterebbe ferite evidenti o segni di colluttazione. Era ancora vestito ma pare che non avesse documenti. Sul posto anche il comandante provinciale dell'Arma, il colonnello Corrado Scattarettico e il colonnello Luca Pietranera. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • «Noi non ce l’abbiamo fatta». Dopo 15 anni di attività la trattoria finisce in “svendita”

  • Ripescata nel Po un'auto con a bordo un cadavere, è Daniele Premi

  • Nuovo decreto e spostamenti tra Regioni e Comuni: cosa si può fare (e cosa no) dal 16 gennaio

  • Per 30 anni in prima linea, il 118 piange Antonella Bego. «Perdiamo una professionista e un'amica»

  • Frontale tra due auto a Fiorenzuola: tre feriti, uno è gravissimo

  • L'Emilia-Romagna resta arancione, firmato il nuovo Dpcm

Torna su
IlPiacenza è in caricamento