menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

On-line la dieta del Grana Padano, innovativo programma per dimagrire con gusto

Da oggi è possibile e del tutto gratuitamente attraverso la "Dieta del Grana Padano", illustrata ad Expo nell'ambito dell'incontro "Perdere peso mangiando cose buone", organizzato dal Consorzio Grana Padano

Dimagrire mangiando cibi buoni e sani, seguendo una dieta personalizzata, elaborata ad personam via web consultabile: da oggi è possibile e del tutto gratuitamente attraverso la "Dieta del Grana Padano", illustrata ad Expo nell'ambito dell'incontro "Perdere peso mangiando cose buone", organizzato dal Consorzio Grana Padano. Nel corso dell'incontro è stata annunciata l'apertura di un sito apposito, www.ladietadelgranapadano.it, che consiglia una dieta ipocalorica a base di Grana Padano, appositamente “confezionata” da un team di specialisti.

Un modello che, è stato evidenziato nella conferenza- stampa, si ispira al portale americano MyPlate, piattaforma interattiva tramite la quale il Dipartimento dell'Agricoltura americano sta contrastando con successo sovrappeso ed obesità negli Stati Uniti. Come quello statunitense, anche il programma del Grana Padano non si limita a dare generiche indicazioni qualitative sulla corretta alimentazione, ma segue attivamente l'utente in modo personalizzato e gli indica di volta in volta, se necessario, quali alimenti e quali esercizi fisici dovrebbe seguire per raggiungere e conservare un suo peso-forma ideale.

Il sito internet aperto dal Consorzio è dunque a disposizione di chiunque voglia accedervi con consigli che permettono di imparare a Schermata 2015-07-16 alle 19.00.27-2seguire una dieta personalizzata, rivolta sia alle persone sovrappeso e obese di primo grado, sia a quelle normopeso, ma con obesità addominale, a esclusione di minorenni, over 70 e chi soffre di particolari malattie. Per accedere al programma è richiesto solo di compilare un questionario. 

Sulla base delle risposte fornite, l’utente riceve una dieta ipocalorica che tiene conto di un apporto calorico modulato sulla base di peso, altezza, età e sesso della persona. Il programma permette innanzitutto all’utente di conoscere il proprio stato ponderale sul quale è stata calcolata la dieta assegnata e di ricevere in tempo reale commenti e consigli. Gli verrà quindi recapitato il primo dei 5 menu settimanali ipocalorici e riceverà un programma di attività fisica.  

Infine, l'utente entrerà nella fase di mantenimento, che permette di evitare il rischio della cosiddetta “sindrome dello yo-yo” o dell’oscillazione ponderale, molto frequente dopo una dieta dimagrante, ma sconsigliabile per la salute. 

Grande attenzione è stata posta al lato gastronomico dell’alimentazione: sono infatti state create per l’occasione ben 175 ricette, tutte bilanciate ma gustose come le farfalle al pesto con legumi, verdure miste ripiene di tacchino, torta di patate e rosmarino e insalata di tacchino, il tutto accompagnato da Grana Padano, il prodotto Dop più consumato del mondo che sono state proposte per l’occasione in un buffet  alla presentazione di Expo.

Curatore scientifico del progetto è la professoressa Maria Letizia Petroni che è la responsabile clinico-scientifico del Centro Obesità e Nutrizione Clinica di Villa Igea a Forlì. Il menu settimanale e la guida al comportamento alimentari sono seguiti dalla dottoressa Marzia Formigatti, dietista e dottore in qualità e sicurezza alimentare umana.

“È importante educare la popolazione italiana a un migliore stile di vita - ha sottolineato la Petroni; in Italia ci sono tra i 22 e i 26 milioni di persone in sovrappeso e tra i 5 e gli 8 milioni di obesi: ciò vuol dire che circa la metà della popolazione italiana è in sovrappeso. Il progetto tende soprattutto a diffondere la cultura della prevenzione, sensibilizzare la società civile su buone abitudini per la salute e favorire l'autogestione del controllo del peso. Va sottolineato- ha ribadito- che la dieta non ha fini estetici, né terapeutici”.

“Oggi - ha detto il presidente del Consorzio Tutela Formaggio Grana Padano, Nicola Cesare Baldrighi Schermata 2015-07-16 alle 19.00.21-2- abbiamo aggiunto un tassello importante all'attività che già svolgiamo da tempo con l'Osservatorio nutrizionale Grana Padano. Desideriamo offrire a tutti i cittadini la possibilità di seguire durante l'anno una dieta non solo sana, ma anche interessante, gustosa e variegata, che non comporti particolari sacrifici e che consenta di mantenere una forma fisica adeguata nel lungo termine”.

Il professor Gaetano Maria Fara ha raccontato come si stia vivendo da tempo un cambiamento epocale: “è finito-ha spiegato- il periodo delle grandi malattie infettive, per le quali si è trovata la cura, però si muore a causa di malattie croniche-degenerative che sono causate anche dal fumo, dall’alcool, dalla sedentarietà e dalla cattiva alimentazione. Ecco allora che nutrirsi bene e controllare il peso corporeo può davvero fare la differenza”.

Andrea Anastasi, ex pallavolista ed allenatore della nazionale italiana di pallavolo, ha evidenziato, attraverso la sua testimonianza personale, l’importanza dell’attività fisica da affiancare ad una corretta alimentazione per conseguire risultati duraturi nel tempo, mentre Pier Dario Forni ha mostrato la facilità di accesso al programma e la chiarezza nel suo utilizzo.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
  • Attualità

    «Sì alla ricerca delle acque termali e all'area verde attrezzata». I risultati del sondaggio sul terreno di San Martino

  • Fiorenzuola

    Dal 1 febbraio cambiano gli orari all'Urp di Fiorenzuola

  • Politica

    Azione: «Il piano sanitario del 2017 è da rivedere»

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento