Cronaca

Operaio folgorato alla Centrale, aperto un fascicolo per lesioni colpose

La procura della Repubblica ha aperto un fascicolo per lesioni colpose per il gravissimo infortunio avvenuto il 25 settembre nella centrale nucleare di Caorso. Le indagini dei carabinieri e della Medicina del Lavoro sono coordinate dal sostituto procuratore Daniela Di Girolamo

La squadra Nbcr dei vigili del fuoco nei pressi della centrale il giorno del gravissimo infortunio

La procura della Repubblica ha aperto un fascicolo per lesioni colpose per il gravissimo infortunio avvenuto il 25 settembre a Caorso. Qui un 31enne toscano è stato raggiunto al petto da una scarica elettrica di seimila volt mentre si trovava all'interno della centrale nucleare. Le indagini sono condotte dal sostituto procuratore Daniela Di Girolamo. Pare che il 31enne, un dipendente di una ditta esterna, si trovasse in una palazzina ausiliaria dell’impianto e stesse svolgendo alcuni lavori su un quadro elettrico, quando una forte scossa elettrica lo ha travolto un pieno provocandogli delle ustioni sulla parte alta del corpo. Non è chiara, al momento, quale sia la causa , né se l’operaio fosse munito dei dispositivi di sicurezza. Elementi, questi, che dovranno accertare i carabinieri della Stazione di Caorso e i tecnici della medicina del lavoro di Ausl e la Procura. L'uomo era stato soccorso dai sanitari del 118 e portato in volo in gravissime condizioni all'ospedale di Pavia, i vigili del fuoco sul posto con una squadra specializzata Nbcr si sono occupati del principio di incendio generato dalla scarica elettrica. «L’evento è accaduto in area convenzionale e, pertanto, non ha comportato alcuna conseguenza di natura radiologica», hanno fatto immediatamente sapere da Sogin, la società che si occupa dello smantellamento delle centrali nucleari in Italia e quindi anche di quella caorsana.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Operaio folgorato alla Centrale, aperto un fascicolo per lesioni colpose

IlPiacenza è in caricamento