Operazione dei Nas di Parma: nei guai un produttore vinicolo

Si sospetta che il piacentino, 63enne, usasse alcol e zucchero per alterare le bottiglie di vino da tavola prodotte nell'azienda. L'operazione è stata compiuta nel giorni scorsi dai Nas di Parma. L'uomo aveva precedenti. Per i produttori, solo la detenzione di alcol o zucchero è punibile. La notizia è stata trasmessa anche dal Tg5

carabinieri_8I carabinieri del Nas di Parma continuano a tenere d´occhio i produttori di vini Doc per evitare frodi alimentari e sofisticazioni. I militari comandati dal capitano Angelo Balletta pochi gironi fa hanno sequestrato 250 chili di zucchero e 1200 litri di alcol presso la sede di un noto produttore vinicolo di Piacenza. Il sospetto è che il materiale fosse utilizzato per alterare le bottiglie di vino da tavola prodotte nell´azienda, anche se la certezza, a questo riguardo, arriverà soltanto al termine delle analisi chimiche su alcuni campioni dei 69mila litri di vino posti sotto sequestro amministrativo.
 
I dettagli dell´operazione sono stati resi noti stamattina al comando provinciale di via Beverora. «L´attività di controllo della filiera di produzione dei vini è sistematica da parte nostra - ha esordito il comandante del Nucleo antisofisticazione sanità di Parma - e ciò per tutelare non solo i consumatori, ma anche gli altri produttori di vino che lavorano onestamente».
  L'uomo è stato segnalato all´Ufficio centrale repressione frodi di Bologna e rischia una sanzione da 6mila a 60mila euro. Il fatto è stato ripreso dai media nazionali  

L´attività di controllo ha portato i carabinieri a ispezionare l´altro ieri l´azienda di proprietà di un piacentino di 63 anni, già finito nei guai in passato per vicende analoghe. Durante l´ispezione, i militari hanno trovato, sotto a un telone all´interno di un magazzino di attrezzi, l´ingente quantità di alcol e di zucchero, che possono essere impiegati insieme per innalzare o abbassare la gradazione del vino, alterandolo sensibilmente.

La legge in materia, infatti, punisce i produttori anche per il semplice fatto di detenere alcol e zucchero nelle cantine vinicole oltre certi limiti che in questo caso sono stati abbondantemente superati. Il piacentino è stato anche segnalato all´Ufficio centrale repressione frodi di Bologna e rischia per questo una sanzione che varia da 6mila a 60mila euro. Inoltre è stato anche denunciato per la sottrazione all´accertamento e al pagamento dell´accisa sull'alcol.

carabinieri_11

Nelle due immagini, l'intervento dei carabinieri nell'azienda agricola. Sopra, nel mezzo, Helios Scarpa e Angelo Balletta
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Frontale a Castellarquato: muore un uomo, altre due persone sono gravissime

  • Travolto da un Tir mentre cammina al buio sul cavalcavia, 24enne in fin di vita

  • Frontale lungo la Provinciale, muore in auto di fianco alla moglie

  • Scontro Cavanna-Burioni sull’utilizzo della idrossiclorichina per combattere il Covid

  • Nuovo Dpcm: Conte ha firmato, che cosa cambia da domani

  • Come non sporcare la mascherina con il trucco

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento