Operazione della polstrada, recuperati 2 mini-escavatori rubati

Operazione della squadra giudiziaria della polizia stradale piacentina, che ha recuperato e restituito ai legittimi proprietari, dopo due brillanti indagini, due mini-escavatori rubati per un valore di 40mila euro. I codici identificativi dei mezzi erano stati contraffatti ad arte. Il responsabile della giudiziaria: «Un traffico purtroppo molto diffuso»

Un traffico illecito che non conosce, purtroppo, crisi o recessioni. Stiamo parlando della compravendita di mini-escavatori da cantiere rubati, macchine costosissime ben richieste dalle imprese edili. La polizia stradale di Piacenza, questa mattina, con il comandante Agostino Agostini e il responsabile della squadra di giudiziaria l'ispettore capo Luigi Rasmi, ha reso noti i dettagli di un'operazione che ha portato al recupero di due mezzi - per un valore di 40mila euro - rubati, nel Pavese e nel Mantovano.

«Purtroppo - spiega l'ispettore Rasmi - per i delinquenti questo è un mercato molto appetibile. Sono dei professionisti, entrano nei cantieri di notte oppure durante la pausa pranzo con facilità. Sembrando all'esterno degli operai, non destando quindi sospetti, sollevano i mezzi e li portano via in dieci minuti». Una volta rubati, cambiano il numero di matricola punzonato sulle macchine, rendendole irriconoscibili.
  I due mini-escavatori avevano i numeri di serie abrasi e contraffatti. Erano stati rubati a Sondrio e nel Bresciano  

Questa volta, però, il gioco non ha retto. Il primo mini-escavatore è stato recuperato presso un'attività artigianale nel Pavese. All'apparenza gli elementi identificativi sembravano in regola, ma ulteriori accertamenti hanno dimostrato che tutto era stato ripunzonato - mascherando la provenienza illecita - a regola d'arte. Era stato rubato a Sondrio nel 2008. Un mezzo simile, infatti, risultava venduto in Germania. Il titolare dell'attività è stato così denunciato in stato di libertà per riciclaggio.

Analoga vicenda in provincia di Mantova, dove un imprenditore agricolo è stato deferito alla locale autorità giudiziaria per riciclaggio in concorso. Anche qui, l'escavatore Bob Cat aveva un numero di serie ripunzionato in un punto del telaio diverso rispetto all'originale e pure i documenti di origine erano contraffatti. Il mezzo era stato rubato in un cantiere edile di Brescia.

Sopra, in foto, uno dei due escavatori rubati, di marca Takeuchi

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Frontale a Castellarquato: muore un uomo, altre due persone sono gravissime

  • Travolto da un Tir mentre cammina al buio sul cavalcavia, 24enne in fin di vita

  • Frontale lungo la Provinciale, muore in auto di fianco alla moglie

  • Scontro Cavanna-Burioni sull’utilizzo della idrossiclorichina per combattere il Covid

  • Nuovo Dpcm: Conte ha firmato, che cosa cambia da domani

  • Come non sporcare la mascherina con il trucco

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento