Trasferiti all'estero 670mila euro illegalmente, blitz della finanza in un money transfer

Operazione antiriciclaggio delle Fiamme Gialle piacentine. Accertati molteplici trasferimenti di denaro all’estero in violazione alla normativa di settore

Nei giorni scorsi, nell’ambito dei consueti controlli antiriciclaggio, i finanzieri piacentini hanno concluso un’ispezione nei confronti di un “money transfer” (esercizio commerciale che fornisce servizi di rimessa di denaro), in città, accertando plurime violazioni in materia di trasferimento all’estero di somme di denaro. L’intervento dei finanzieri, che hanno controllato tre anni di attività, ha portato alla luce un sistema di frode adottato mediante tecniche di frazionamento delle rimesse di denaro contante verso l’estero, tipico degli agenti in attività finanziaria, cosidetti agenti plurimandatari, che prestano tali servizi quali mandatari di più istituti di pagamento nazionali o comunitari. L’operazione, condotta dalla sezione Tutela Economia del Nucleo di Polizia Cconomico Finanziaria di Piacenza, ha permesso di accertare come l’esercizio ispezionato non abbia rispettato la normativa nazionale antiriciclaggio, di cui al decreto legislativo 231/2007, che stabilisce in 999,99 euro il limite massimo settimanale da poter inviare a terzi soggetti. In particolare, sono stati rilevati e sanzionati 465 trasferimenti di denaro, artificiosamente frazionati in violazione dell’articolo 49 del decreto legislativo 231/2007, per un importo complessivo superiore a 670mila euro irregolari in quanto altrettanti soggetti, nell’arco di una settimana, hanno effettuato più invii di denaro, singolarmente sotto la soglia di mille euro, ognuno a favore dello stesso beneficiario residente all’estero. I paesi maggiormente interessati dai trasferimenti di denaro in parola, sono risultati: Marocco, Tunisia, Ghana, Senegal, Nigeria, Congo, Burkina Faso, Perù, Ecuador, Repubblica Dominicana, Filippine, India, Russia, Moldavia, Ucraina, Albania, Turchia ed anche paesi dell’unione europea quali Romania, Grecia, Germania e Belgio. A carico del titolare del “money transfer” sono state comminate sanzioni amministrative non inferiori nel minimo ad un milione e 300mila euro e sono in corso ulteriori approfondimenti volti a fare luce sull’intera operazione di rimessa del denaro. La descritta operazione conferma il costante impegno delle fiamme gialle nel contrasto alle varie forme di illegalita’ economico finanziaria, che in alcuni casi possono rappresentare un potenziale pericolo alla sicurezza dell’intero tessuto economico legale del paese

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Esce di strada e si ribalta in un campo, muore a 32 anni

  • Bimbo di un anno in ospedale per cocaina, arrestati i genitori e i nonni

  • Invia le foto del tradimento alla moglie dell'amante della sua compagna, prima condanna per revenge porn a Piacenza

  • Sorprende i ladri in casa, 90enne scaraventata a terra e rapinata

  • «Mi dispiace per quanto ho fatto, mi hanno aggredito e mi sono solo difeso»

  • Ricette piacentine: la torta di patate

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento