rotate-mobile
Giovedì, 19 Maggio 2022
Cronaca Via Beverora

«Orgoglioso dei miei carabinieri: 350 arresti in un anno». Oggi è la festa dell'Arma

Festa dell'Arma al comando provinciale: in un anno trecentocinquanta arresti, quasi uno al giorno, 474 kg di droga sequestrati, 300 patenti ritirate per guida in stato di ebbrezza e droga, e 600 persone segnalate come assuntori alla Prefettura. Il comandante provinciale: «Fiero dei miei uomini»

L'Arma dei carabinieri compie 203 anni, come da tradizione anche Piacenza ha festeggiato i suoi carabinieri al comando provinciale in viale Beverora e quest'anno la cerimonia è stata aperta anche al pubblico. Dopo la lettura del messaggio del comandante generale, Tullio Del Sette e quello del presidente della Repubblica, Sergio Matterella, il colonnello Corrado Scattaretico ha voluto rigraziare i suoi uomini per l'eccellente lavoro svolto nell'ultimo anno: «Sono orgoglioso di voi: non vi siete mai tirati indietro ma vi siete sacrificati dando il meglio ogni giorno. Non saremo mai soddisfatti fino a quando ci sarà un cittadino che subirà un reato, siamo determinati e non abbasseremo mai la guardia ma siamo anche estremamente contenti per quanto siamo riusciti a portare a termine nell'ultimo anno. Trecentocinquanta arresti, quasi uno al giorno, aumentandoli del 75% rispetto all'anno scorso, 474 kg di droga sequestrati, 300 patenti ritirate per guida in stato di ebbrezza e droga, e 600 persone segnalate come assuntori alla Prefettura». 

Nel cortile della Paride Biselli erano schierati i militari della compagnia carabinieri di Piacenza, i carabinieri forestali, tutti gli ufficiali, i comandanti di stazione delle tre compagnie, i componenti dell'associazione carabinieri e le Benemerite. Presenti, ovviamente, tutte le massime autorità della città «Da qui in avanti continueremo a non risparmiare nessuna energia: arresteremo i delinquenti, li andremo a prendere ovunque cercheranno di nascondersi. Sono fiero di essere il vostro comandante». Il colonnello ha poi ricordato il sacrificio dell'appuntato scelto Luca Di Pietra, morto a durante un inseguimento a Castelsangiovanni nel 2014 e il collega Massimo Banci, rimasto gravemente ferito. «Prima di pensare a se stesso ha pensato alla vita dei civili che si trovavano nella via e con freddezza ed estrema professionalità ha sparato a due rapinatori fermandoli. Un'azione non da poco, e non da tutti», con queste parole il comandante ha voluto complimentarsi con l'appuntato Arturo Repola, suo autista, che ha impedito ai due rapinatori di Valenza Oro la fuga, infine ha elogiato anche i militari della stazione che in soli 23 secondi erano sul posto e tutti i cittadini che quotidianamente "non si girano dall'altra parte" ma che denunciano e hanno il coraggio di cambiare le cose. Un lungo applauso ha chiuso la cerimonia. 

Festa dell'Arma dei carabinieri 2017 ©Gatti/IlPiacenza

 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

«Orgoglioso dei miei carabinieri: 350 arresti in un anno». Oggi è la festa dell'Arma

IlPiacenza è in caricamento