rotate-mobile
Venerdì, 1 Luglio 2022
In tribunale / Cortemaggiore

Ottantenne batte la testa contro la mensola di una pizzeria e cade, titolare a processo

I fatti risalgono al 2019 e si sono svolti a Cortemaggiore sotto i portici. La donna, che è parte civile, aveva riportato diverse lesioni. L'ex titolare è accusata di lesioni colpose gravi

«Stavo camminando quando, girando attorno ad una colonna, ho battuto la testa contro una mensola e sono caduta. Ho riportato una ferita alla tempia, una frattura al bacino, alla mano e al braccio sinistro nonché una sofferenza cardiaca per la quale sono stata ricoverata», il tutto con una prognosi superiore ai quaranta giorni. Lo ha detto in aula al giudice Ivan Borasi (pm Paolo Maini) un’80enne che è la parte lesa nonché parte civile rappresentata dall’avvocato Marco Bricconi nel processo che vede imputata l’ormai ex titolare di una pizzeria per lesioni colpose gravi, difesa dall’avvocato Emiliano Lommi.  I fatti risalgono al 2019 e si sono svolti a Cortemaggiore, la pizzeria in quel momento era chiusa. La mensola (in legno con supporti in metallo) era stata posizionata dai titolari del locale per permettere ai clienti di appoggiare i bicchieri, nel loro plateatico sotto i portici e davanti all’esercizio. L’anziana era stata soccorsa ed era stata portata in auto all’ospedale dal marito che non avrebbe assistito alla scena così come altri testimoni che avrebbero visto la donna cadere, poi era stata sporta querela. Gli accertamenti della polizia locale dell’Unione Unione Bassa Valdarda Fiume Po  (ora sciolta) avevano fatto emergere che per la mensola non erano state chieste le autorizzazioni necessarie e che era stata posizionata ad 1 metro e 20 centimetri di altezza. Tutti gli atti degli agenti sono stati acquisiti. Il processo è stato aggiornato al 23 novembre.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ottantenne batte la testa contro la mensola di una pizzeria e cade, titolare a processo

IlPiacenza è in caricamento